giovedì 8 febbraio 2018

CERCANO DI METTERE UNA PEZZA MA ORMAI IL DANNO È FATTO


Torniamo ad occuparci di gestione degli impianti sportivi comunali e dei relativi contributi che da anni vengono elargiti contravvenendo ai regolamenti comunali vigenti. È dall'inizio della nostra entrata in Consiglio Comunale che abbiamo sempre cercato di far luce su ogni singolo euro speso dal Comune al fine di perseguire il principio di trasparenza di ogni singola azione amministrativa.

Nella gestione degli impianti sportivi questa chiarezza è sempre mancata e le tante incongruenze ci hanno spinto a segnalare il tutto alle Autorità giudiziarie competenti. In sintesi: malgrado il regolamento della gestione degli impianti sportivi addebiti al concessionario dell’impianto (e non al Comune) i costi delle utenze, e in particolare luce e gas, la Giunta Bartolacci appena insediata si prodigò per votare sia la Delibera di Giunta comunale n. 147 del 03/07/2014 che a sottoscrivere una convenzione con  la quale si addebitano al Comune le spese di cui sopra. Ciò, ovviamente, contravvenendo sia l’orientamento amministrativo generale che il vigente Regolamento comunale.

Ora, dopo le nostre denunce che hanno portato all'apertura di un indagine istruttoria da parte della magistratura, assistiamo a qualcosa di ancora più surreale. Una Giunta risicata nei numeri, ha infatti approvato la delibera n° 23/2018 (potete leggerla qui) con la quale si annulla in autotutela la convenzione sopra citata ripristinando ciò che già i regolamenti prevedevano. Peccato che tale “svista” abbia portato, testuali parole prese dall’atto di Giunta, ad “un danno economico a carico dell'Ente” per il periodo in cui è stata in vigore la convenzione “irregolare”. Un danno economico causato dal fatto oggettivo che la convenzione effettivamente sottoscritta non prevedeva il pagamento delle utenze a carico del concessionario ma a carico delle casse comunali, quindi dei cittadini. La fiera degli “errori” continua se si prosegue nella lettura della delibera visto che si legge: “che l'Ente si è già attivato per quantificare l'esatto importo delle utenze relative agli anni 2013 – 2014”. Peccato che il periodo in cui è stata in vigore la convenzione “irregolare” è da ricondurre al periodo di entrata in carica dell’attuale Giunta, ovvero, dal luglio 2014 ad oggi.


Questi sono solo alcuni dei tanti errori riscontrati dal nostro controllo. Ci auguriamo che la magistratura faccia presto chiarezza sulle relative responsabilità e che, nell'eventuale danno che dovesse essere riscontrato, venga fatto pagare il risarcimento a chi ha voluto e votato gli atti che hanno portato a tutto ciò.


domenica 28 gennaio 2018

CI SERVE IL TUO AIUTO: DOBBIAMO CONTROLLARE OGNI SINGOLO VOTO!



Il prossimo 4 marzo sarà una data fondamentale per l'Italia e per il Lazio. Tutti noi cittadini, stanchi dei politici di professione che ci hanno portato a decenni di disastri, possiamo riappropriarci delle istituzioni con esempio e valori morali. Le azioni concrete fatti dai nostri portavoce in 5 anni, non bastano per avere la meglio sul vecchio sistema partitico fatto di interessi e clientelismo. Serve anche il piccolo aiuto di tutti voi che credete nell'idea di cambiamento! 

Per questo cerchiamo cittadini disponibili ad essere inseriti nell'elenco dei rappresentanti di lista del MoVimento 5 Stelle alle prossime elezioni regionali e nazionali del 4 Marzo.

Il rappresentante di lista assiste a tutte le operazioni relative al voto, dalla preparazione del seggio, ma in particolare è fondamentale nella fase di spoglio dei voti per verificare eventuali irregolarità.


Può essere esonerato dal lavoro previa certificazione del Presidente del Seggio.


Per portare a termine questa rivoluzione democratica non basta mettere una X su un simbolo, ma serve la partecipazione di tutti.


Chi vuole segnalare la propria disponibilità può compilare il modulo: http://tuscania5stelle.blogspot.it/p/contattaci.html oppure contattare il gruppo attivisti scrivendo a tuscania5stelle@gmail.com.


mercoledì 24 gennaio 2018

I CITTADINI PARTECIPANO AL PROGRAMMA DEL LAZIO

Proficuo e costruttivo l’incontro organizzato dal M5S Tuscania tra i portatori d’interesse della cittadina etrusca e la candidata Presidente della regione Lazio Roberta Lombardi che si è tenuto nella mattinata di sabato 20 gennaio presso il Teatro Pocci.

"L'incontro che abbiamo voluto organizzare con i portatori d'interesse di Tuscania – fanno sapere dal gruppo locale - ha permesso alla parte civile del nostro territorio di trovare un canale di comunicazione con la prima forza politica d'italia che si candida ad amministrare anche la regione Lazio. Sono stati  molti gli argomenti trattati e diversi i contributi dei partecipanti che si sono soffermati in particolare sulle varie criticità economiche e ambientali di Tuscania. Un focus importante è stato richiesto alla candidata Presidente Lombardi sulla questione sanità e i molteplici disagi dell'intera provincia. Altri argomenti trattati sono stati la Riserva naturale, l'emergenza arsenico, l'edilizia residenziale pubblica e la depurazione delle nostre acque. Tutti temi che verranno portati avanti con decisione dal Movimento 5 Stelle qualora i cittadini ci daranno la loro fiducia".

A margine dell'incontro è stato ufficializzato anche il fondo M5S Lazio per il microcredito e la microfinanza che è finalmente attivo e parte con 750mila euro. E’ questa la cifra iniziale che i sette consiglieri regionali del M5S Lazio hanno già stanziato e messo a disposizione con la restituzione dei propri stipendi e delle proprie diarie accantonate dall’insediamento nel Consiglio Regionale del Lazio.  Due gli assi su cui si svilupperà il fondo regionale rotativo: uno a sostegno delle microimprese o ditte individuali, l’altro a favore delle famiglie che devono sostenere i costi relativi alle cure mediche di figli affetti da gravi patologie.

Gli attivisti 5 stelle si dichiarano disponibili per dare ulteriori informazioni e supportare per richiedere i fondi.




mercoledì 17 gennaio 2018

INCONTRO CON ROBERTA LOMBARDI IL 20 GENNAIO ALLE ORE 11.30


La candidata del Movimento 5 stelle alla presidenza della regione Lazio, Roberta Lombardi, sarà a Tuscania nella mattinata del 20 Gennaio. L'obiettivo sarà di far conoscere ai nostri concittadini la bozza di programma elettorale realizzato e ricevere input e proposte da chi vive il territorio di Tuscania. In particolare sono invitati a partecipare tutti i portatori d'interesse che vivono e lavorano nel nostro territorio. Sarà un'importante occasione per mettere le problematiche e le risorse di Tuscania al centro dell'agenda regionale che sarà.

L’appuntamento è presso il Cinema Pocci in via Consalvi, 22 alle ore 11:30 e vedrà il confronto con portatori d’interesse e rappresentanti delle realtà lavorative, culturali e di volontariato, associazioni, comitati e cittadini.

Per venire incontro alle esigenze di tutti e cercare la massima partecipazione possibile nella scrittura del programma elettorale, sarà possibile anche consegnare le proprie proposte (singole o come referenti di realtà e organizzazioni) in forma cartacea e/o in formato digitale sia direttamente all’incontro che tramite e-mail a tuscania5stelle@gmail.com.

Sarà cura degli attivisti far pervenire qualsiasi contributo che arriverà.

sabato 30 dicembre 2017

CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 DICEMBRE: CONTINUANO LE SCUSE PER RINVIARE LE RIPRESE VIDEO


Si è svolto nella mattinata di venerdì 29 dicembre il Consiglio Comunale che era saltato il 15 dicembre scorso e a cui è stata aggiunta la nostra mozione sulle riprese, sottoscritta anche dal resto dell’opposizione.

È stato una seduta a tratti tragicomica e all’insegna del controsenso e del paradosso. Un controsenso che ha visto tutti convinti, a parole, a ripristinare le riprese video del Consiglio Comunale ma che poi, al momento del voto, ha visto la mozione non passare a causa del voto contrario della maggioranza su due punti della mozione stessa. Ulteriore riprova della mancata volontà di ripristinare le riprese ne abbiamo avuta quando lo stesso Sindaco, che in merito sembrava palesare l’esistenza di un atto condiviso con i suoi consiglieri, ha totalmente ignorato la disponibilità del nostro portavoce di votare qualsiasi atto della maggioranza con il fine di ripristinare immediatamente uno strumento di trasparenza e partecipazione che riteniamo fondamentale. Tale atteggiamento ha reso perfettamente l’idea che le intenzioni sono solo di temporeggiare e non prendere posizione.

Priorità diverse invece quando si tratta di modificare il Regolamento dei mezzi comunali per consentire a qualche Consigliere comunale e/o Assessore la guida dei veicoli di proprietà dell’Ente. In questo caso in fretta e furia si aggiungono modifiche ad hoc per “legalizzare” ciò che da anni era ormai divenuta una prassi a detta anche dello stesso Sindaco, dietro specifica domanda del nostro consigliere. E ciò, lo sottolineiamo, è stato fatto sinora in barba al Regolamento.

Come ormai abitudine del Sindaco e della sua maggioranza, si è assistito anche ad un continuo tentativo di prevaricazione che ha raggiunto momenti paradossali quando la Presidente del Consiglio ricordava al nostro portavoce Rossi di essere breve nel suo intervento (continuamente interrotto da membri della maggioranza), ma poi concedeva la parola ad altri consiglieri ed al Sindaco, oltre a quanto cosentino dai Regolamenti e senza badare ai tempi ed ai contenuti. Il mancato rispetto dei consiglieri che il Sindaco ostentava, raggiungeva l'apice quando lo stesso interveniva brutalmente ed in modo assolutamente sgarbato, rivolgendosi al consigliere del M5S con la seguente espressione: "ah ragazzì!". Da questa espressione provocatoria nasceva una reazione ed un richiamo all'educazione da parte della consigliera di minoranza Save che, dopo aver ricevuto come risposta solo ulteriori espressioni sgarbate, usciva dall'aula. Di tutto ciò la Presidente restava semplice spettatrice, come tutta la maggioranza che subito dopo votava in modo compatto, subordinata alle direttive del suo Sindaco.

La seduta è proseguita con i suoi tratti tragicomici conditi da atti ritirati all’ultimo per incomprensioni della maggioranza e proposte di delibere errate o con documentazione inesistente per arrivare infine alle interrogazioni. Abbiamo così segnalato e verbalizzato la grave situazione inquinante riscontrata al depuratore comunale. Infatti, a seguito di un nostro accesso atti all’Arpa, abbiamo appreso dalle analisi valori di escherichia coli pari a 280.000 unità formanti colonie (batteriche) quando il limite massimo consentito per legge è di 5.000! Una situazione allarmante che ha contribuito all’esposto presentato alla Procura dal M5S locale al fine di denunciare il grave inquinamento del Fiume Marta.

Infine, abbiamo sottolineato per l’ennesima volta l’esistenza di mozioni ed interrogazioni, presentate dal nostro gruppo diversi mesi fa, che ancora attendono risposta della Giunta Bartolacci.