venerdì 18 agosto 2017

TRASPARENZA, QUESTA SCONOSCIUTA!


La trasparenza, oltre ad essere uno dei principi del M5S, è un obbligo di legge (Dlgs.33/2013- accesso civico -). Lo scopo, è quello di garantire l’accessibilità totale dei dati e dei documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni a tutti i cittadini, al fine di promuoverne la partecipazione e favorirne forme diffuse di controllo sull'utilizzo delle risorse pubbliche.

E’ pertanto obbligo, di ciascuna Amministrazione pubblica, caricare online tali dati, nella sezione «Amministrazione trasparente» ed è diritto di chiunque conoscerli, fruirne gratuitamente, e di utilizzarli e riutilizzarli.

La pubblicazione sul sito istituzionale deve coprire un periodo di 5 anni e deve essere fatta in maniera "tempestiva". Decorsi detti termini, i relativi dati e documenti debbono essere comunque accessibili (Art. 5 del Dlgs.33/2013).

Da un riscontro incrociato da noi effettuato è risultato esserci un insieme di informazioni inesatte, incomplete o addirittura omesse come caricamenti di curricula o autocertiicazioni di qualche consigliere.

Il piano triennale per la trasparenza e prevenzione della corruzione presente solo per gli anni 2015-2017 e 2017-2019;

All’ elenco dei consulenti che, oltre a riguardare solo gli anni 2015 e 2016, risulterebbe incompleto nei nomi e nelle informazioni caricate:
http://www.comune.tuscania.vt.it/consulenti-e-collaboratori.php

Per la sezione Bandi e concorsi pubblici, la normativa sancisce che: «le pubbliche amministrazioni pubblicano i bandi di concorso per il reclutamento, a qualsiasi titolo, di personale presso l'amministrazione, nonché i criteri di valutazione della Commissione e le tracce delle prove scritte»; Pertanto dovrebbero essere specificati, sia i bandi che concorsi conclusi, quelli in atto e quelli in fase di programmazione, distinti per anno, con la relativa documentazione allegata. Questa è invece la situazione reale: http://www.comune.tuscania.vt.it/bandi-di-concorso.php.




Risultano incompleti anche i campi relativi ai Provvedimenti presi dagli organi d’indirizzo-politico risultano infatti mancanti i verbali delle Commissioni o addirittura talune delibere di Consiglio come la n. 6/2015 del 12.02.2015. 


La sezione: "Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici" è anch'essa incompleta, qua dovrebbero essere invece caricati non solo i Regolamenti comunali che stabiliscono i criteri in base ai quali vengono erogati i contributi a privati cittadini o ad associazioni e come potete vedere il campo è vuoto
ma anche tutte le determine, ovvero gli atti coi quali vengono poi liquidati a tali soggetti. Per il 2017 troviamo solo una voce, com'è possibile?


  
Stessa cosa dicasi per quanto riguarda la sezione «Controlli e rilievi sull'Amministrazione» ove risultano per es. totalmente assenti i dati riguardanti le verifiche della Corte dei Conti.

Nella sezione «Informazioni ambientali» non risulterebbero invece caricate tra le altre, tutte le analisi delle acque: casetta dell’acqua, quella delle fontane...

Ma forse l’elemento più importante riguarda i premi di produttività e l’OIV Organismo Indipendente di Valutazione). Con Delibera di Giunta 213/2014 infatti, il Sindaco risulterebbe aver mandato di nominare per due anni il Nucleo di valutazione a decorrere dal 15/09/2014. Significa che il mandato dell’OIV è scaduto? 
http://www.comune.tuscania.vt.it/delibera-gc-213-2014-nomina-oiv.pdf



All’OIV ricordiamo spetta stabilire chi tra i dipendenti ha diritto, per aver adempiuto agli obblighi di trasparenza, al premio di produttività. Avete capito bene, l'Amministrazione potrebbe aver erogato premi di produttività pur non avendo aggiornato il sito nella sezione "Amministrazione trasparente".
E visto che nemmeno nella sezione «Contrattazione integrativa», che è quella che riguarda i premi di produttività, risultano caricati i relativi contratti collettivi integrativi del 2016 e del 2017 e nella sezione “Performance” i dati risultano incompleti, è praticamente impossibile per qualsiasi cittadino, andare a verificare, se sono stati erogati, chi ne ha eventualmente usufruito, perché e chi si è preso la responsabilità eventualmente di pagarli. 


Ricordiamo che: l'inadempimento degli obblighi di (...omissis...) di cui abbiamo parlato sinora, costituiscono elemento di valutazione della responsabilità dirigenziale, eventuale causa di responsabilità per danno all'immagine dell'amministrazione.

Come M5S di Tuscania, segnaleremo tale situazione alle autorità competenti tra cui l'ANAC che è l'Autorità anticorruzione, per la valutazione di eventuali responsabilità penali e/o erariali. 

- M5S Tuscania -

domenica 6 agosto 2017

LA GIUNTA BARTOLACCI NON SA COS'E' IL RISPETTO DELLE MINORANZE



Il Movimento 5 Stelle informa i cittadini che non parteciperà per protesta, alla seduta del Consiglio Comunale indetto per la mattina di domani lunedì 7 agosto alle ore 12. Le motivazioni che ci hanno spinto come gruppo a tale gesto, sono da ricondurre all'ormai consolidato modo irrispettoso di amministrare questo Paese, che non tiene in alcun modo conto né delle minoranze né tanto meno di leggi e Regolamenti

Ricordiamo, infatti che l'ultima seduta consiliare si era conclusa con il mancato numero legale imposto dal Sindaco Bartolacci ai suoi fedeli consiglieri per non far discutere la nostra mozione sulla Riserva naturale e per non dare risposte alle numerose interrogazioni delle opposizioni che ancora attendono da mesi di venir portate in aula

Bene, i Regolamenti stabiliscono che i punti all'ordine del giorno non affrontati in seguito ad una sospensione di seduta, entrano di diritto all'inizio della prima seduta utile successiva. Il nuovo presidente del Consiglio Nicolosi di tutto questo non se ne è minimamente curata, disattendendo le normative e facendo perciò da subito comprendere a tutti noi, la parzialità con la quale affronterà questo suo nuovo ruolo. Ma vi è di più. La seduta consiliare di domani è stata convocata in pieno orario lavorativo sfavorendo la partecipazione dei cittadini e quella dei consiglieri di minoranza che oltretutto si sono ritrovati nuovamente a sedute convocate senza passare per la capigruppo come sancisce il Regolamento e con integrazioni e consegna del materiale a 24 ore dalla seduta stessa. 


Oltretutto sono state disattese anche quelle che sono le direttive date dalla Dirigente della Prefettura di Viterbo che, a seguito del nostro esposto, aveva chiesto che le sedute venissero fatte fuori l’orario di lavoro.


Ormai siamo di fronte ad una totale spaccatura tra maggioranza ed opposizione, con una Giunta in totale difficoltà (vedi pignoramento, scandalo raccolta differenziata, delibere sbagliate sulle adozioni dei cani solo per citare le ultime settimane), Giunta che ha come unica via d'uscita, quella di mostrare i propri muscoli evitando ogni tipo di confronto e discussione con le minoranze, ostentando sempre più il non rispetto di chi dovrebbe controllare il suo operato. D'altronde che a questa maggioranza non piacessero le regole ed il buonsenso, ne abbiamo avuto riprova ultimamente anche con i parcheggi per disabili, che sono stati fatti occupare senza alcun controllo. Per non parlare dei 7.500 € che ormai, quasi un anno fa, furono raccolti per i terremotati e che, in quelle terre martoriate, non sono mai arrivati! Tali mancanze gridano vendetta ancor più dell'assenza di qualsiasi principio democratico!

M5S Tuscania

lunedì 31 luglio 2017

ZINGARETTI ORDINA, I PRIVATI ESEGUONO E I CITTADINI PAGANO



Con ordinanza numero Z00001 del 04/06/2017 il presidente della Regione Lazio Zingaretti ha fornito le prime indicazioni necessarie a far fronte alla problematica del conferimento dei rifiuti presso la struttura di Casale bussi interessata da un incendio che ne ha compromesso le capacità operative.


In tale ordinanza però, oltre all'individuazione delle prime alternative possibili e delle operazioni previste, si indica anche che il trasferimento dei rifiuti urbani indifferenziati da sito dell’impianto TMB Ecologia Viterbo Srl sarà si effettuato dalla società stessa ma con oneri a carico dei comuni che conferiscono i rifiuti.
E’ probabilmente sulla base di questa indicazione che la società ha comunicato, attraverso una singolare lettera a tutti i comuni della Provincia, il costo preventivo per tonnellata pari a euro 171,80 ribadendo un aumento di tariffa di oltre il 60% rispetto all’attuale e che tale nuova tariffa dovrà essere a carico dei comuni sollecitando gli stessi ad appostare le necessarie somme nei propri bilanci. In poche parole, il disagio di una ditta privata deve ricadere sui cittadini viterbesi visto che si richiede anche una pronta approvazione delle nuove tariffe regionali!

In merito a ciò, e in seguito alle scelte scellerate del PD regionale che ha portato sul nostro territorio anche i rifiuti di altre province, non possiamo non chiederci perché debbano essere i comuni a sostenere i costi di un servizio aggiuntivo che non è stato da loro determinato e che quindi, per logica, non dovrebbe a nostro avviso essere loro imputato.

Come portavoce del Movimento 5 stelle dei comuni della provincia, nonché i gruppi meetup presenti sul territorio, chiediamo quindi ai sindaci dei comuni della provincia interessati, di intraprendere immediatamente tutte le azioni possibili nei confronti della regione lazio per evitare costi aggiuntivi ai cittadini, non ultima la possibilità che la regione stessa rinunci ad esempio alla propria quota di tributo speciale (ove dovuto) che sarebbe gia un importante primo passo.

Non farlo equivarrebbe ad accettare in toto  l’impostazione regionale, evenienza di cui le varie amministrazioni dovranno poi rendere conto ai propri cittadini sui quali in ultima analisi si riverserebbero gli aumenti, direttamente nella tassa dei rifiuti.

M5S Tuscania
M5S Montalto di Castro
M5S Montefiascone
M5S Vetralla
M5S Viterbo
M5S Soriano
M5S Sutri
M5S Vitorchiano
M5S Orte
M5S Ronciglione
M5S Canepina
M5S Civita Castellana


sabato 29 luglio 2017

LA LOTTA AL RANDAGISMO E AGLI SPRECHI, NON SONO PRIORITÀ PER LA GIUNTA BARTOLACCI


Torniamo ad occuparci del tema randagismo, perché finalmente è stata pubblicata sull'albo pretorio, la delibera di Consiglio Comunale dell’08/06/2017 avente ad oggetto: “MODIFICA REGOLAMENTO CORRETTO POSSESSO E CONDUZIONE CANI – ADOZIONI”. Sorvoliamo sul fatto che una delibera dichiarata di immediata eseguibilità, sia stata pubblicata dopo oltre un mese e mezzo, e ci focalizziamo sui contenuti della stessa.
Ricorderete senz'altro, come già ci eravamo dichiarati assai contrari alla scelta della Giunta Bartolacci, di erogare un contributo economico di 300€ ad un associazione di volontariato che proprio per sua natura, non dovrebbe avere alcun ritorno  economico per la propria attività volontaria. Presentammo un interrogazione a tal proposito, il 29/04/2017 alla quale nessuno ci ha dato risposta!
Forse mancano le parole per coprire ciò che non ha nulla a che fare con il buon senso e con il principio del buon amministrare visto che, dalla delibera menzionata sopra, abbiamo appreso che si è arrivati a superare anche il limite della decenza amministrativa.

Infatti, come potete vedere nel testo approvato, non solo si trovano i 300€ per l’associazione di volontariato convenzionata o meno (a proposito quindi qualunque associazione esistente può reclamare questi soldi se contribuisce all’adozione di un cane?), ma vi è di più! La cifra lievita a 600€ in quanto c’è scritto nero su bianco che verranno erogati 2 incentivi per ogni cane adottato. Uno all’associazione volontaria ed uno all’adottante.

Una cifra enorme che questa maggioranza vuole spendere per far adottare i cani che praticamente quasi annulla l’eventuale risparmio sulle rette che vi doveva essere. E bene ricordare che la nostra proposta prevedeva un unico contributo economico (con un tetto massimo di € 300) e soprattutto solo a titolo di rimborso delle spese effettivamente sostenute, per garantire la salute dell’animale. Cifra che avrebbe dovuto essere erogata previo presentazione di fatture e dati identificativi del cane adottato, in seguito a controlli periodici da parte dell’Ente, per verificare il corretto mantenimento dell’animale.
Bene, tutto questo non solo non è stato ascoltato ma addirittura si è arrivati a far lievitare i contributi economici ignorando completamente il benessere dell’animale e i controlli che il Comune avrebbe dovuto fare successivamente all'adozione.
È doveroso da parte nostra informare i cittadini di queste azioni dopo che abbiamo presentato per anni proposte inascoltate ed agito a tutti i livelli per ostacolare questa assurda scelta. Oltretutto quella seduta consiliare è stata oggetto di un nostro esposto al Prefetto che ci ha dato ragione chiedendo di non convocare più Consigli Comunali in orari antimeridiani di un giorno lavorativo come stabilisce lo stesso TUEL.




venerdì 16 giugno 2017

DICHIARAZIONE DI VOTO E VIDEO CONSIGLIO DEL 14 GIUGNO 2017

Di seguito le riprese video del Consiglio Comunale del 14/06/2017 avente all'ordine del giorno il bilancio consuntivo 2016 e la dichiarazione di voto contraria del M5S presentata in aula.

Ecco i punti salienti toccati dalla dichiarazione di voto in riferimento al manifesto diffuso dalla maggioranza nei giorni scorsi e alle numerose riserve poste dal Revisore dei Conti:


  • Aumenti dei costi assicurativi e di gestione degli impianti sportivi
  • Mancanza di controllo sui servizi esternalizzati dal Comune
  • Aumenti dei costi della macchina amministrativa
  • Tagli al sociale e mancata trasparenza nei contributi economici
  • Lotta all'evasione
  • Tassazione locale
  • Multe stradali



DICHIARAZIONE DI VOTO