martedì 10 aprile 2018

I GIOCHI DI POLTRONA VENGONO CONFERMATI

I giochi di poltrona della Giunta Bartolacci, di cui abbiamo parlato nei giorni scorsi, puntualmente escono fuori e non disegnano di certo un bel quadro per la politica tuscanese. Con il post su Facebook dell'ex assessore Ciccioli (che potete vedere sopra) emerge inesorabile come non vi era alcun accordo pre-elettorale nel suo avvicendamento e, come dicevamo tramite note stampa, è consuetudine per questa maggioranza,sempre più traballante, utilizzare la denigrazione dell’avversario politico per coprire i loro problemi interni.

Corriere di Viterbo 05/04/2018
Tramite questo sfogo possiamo chiaramente percepire il clima assai teso all’interno della Giunta e veniamo altresì a conoscenza dei vari sassolini dalla scarpa che il Sig. Ciccioli ha tolto dalle sue scarpe. Dalle sue parole sembrerebbero poco chiari però i modi utilizzati per persuaderlo a mantenere le deleghe turismo e cultura. Parrebbero esserci state promesse di molteplici convocazioni di commissioni consiliari al fine di avere i "dovuti permessi" per assentarsi dal lavoro e presenziare stabilmente nelle sedi comunali. Una prassi che da 4 anni abbiamo sempre stigmatizzato e che ci ha portato a non presenziare più a pseudo e futili commissioni consiliari.

Bene ha fatto il Ciccioli a non accettare simili "soluzioni" e a prendere le distanze dall'operato della Giunta Bartolacci pubblicamente. Ora per terminare appieno questo processo di "redenzione" auspichiamo anche una presa di forza nelle sedi istituzionali e una presa di distanza anche in Consiglio Comunale dove non può più certo rimanere fra i banchi della maggioranza dopo quanto esternato.

AL LICEO SCIENTIFICO DI TUSCANIA UNA DELLE 60 LAVAGNE INTERATTIVE DONATE DAL M5S LAZIO


Anche il nostro Liceo Scientifico “G. Galilei” ha da alcuni giorni una Lavagna Interattiva Multimediale (LIM), che è stata donata dal gruppo consigliare del Movimento 5 Stelle della Regione Lazio che ha deciso di utilizzare 120.000 euro delle proprie restituzioni per acquistare 60 lavagne interattive multimediali, comprensive di computer portatile e box di sicurezza.

La lavagna era già presente presso la scuola da diverse settimane ma nella mattinata di lunedì 9 aprile, la Consigliera Regionale Silvia Blasi ha avuto modo di formalizzare la consegna dello strumento tecnologico alla presenza della Vice Preside Prof.ssa Giuliana Peppetti ed alla Prof.ssa Mariella Gentile, insieme al Consigliere Comunale M5S Fabio Rossi. Presente anche una rappresentanza dell’Amministrazione comunale con l’Assessore alla Pubblica Istruzione Rosalinda Del Signore.

Dopo aver usato la somma di 750 mila euro, derivanti dalle restituzioni degli stipendi dei 7 consiglieri regionali, per istituire e finanziare il fondo regionale per il microcredito e versato 200.000 euro ai comuni di Accumoli e Amatrice a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma, questa volta si è scelto di dare un piccolo contributo diretto alle scuole pubbliche, uno dei settori più bistrattati dalla politica e protagonista di una serie costante di tagli. Esempi di sostegno della scuola pubblica come questo fanno sperare che possa nascere una sana emulazione anche da parte di altri soggetti, e che all’istruzione siano forniti maggiori mezzi, a vantaggio dei nostri giovani. L’utilizzo di una LIM rappresenta uno strumento importante per preparare gli studenti al presente e al futuro e la politica deve impegnarsi nel sostenere le istituzioni scolastiche pubbliche nella formazione dei cittadini di domani, mettendo a disposizione le migliori opportunità possibili.

Alle parole, almeno in questo caso, sono seguiti i fatti e non possiamo che augurare agli studenti ed agli insegnanti del Liceo scientifico, un anno scolastico che possa dare molte soddisfazioni e risultati incoraggianti.

sabato 24 marzo 2018

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 24 MARZO 2018


Si è tenuto nella mattinata di sabato 24 marzo la seduta consiliare con all’ordine del giorno l'approvazione del bilancio preventivo e di tutti gli atti ad esso allegati.
Di particolare importanza è stata la definizione delle aliquote delle varie imposte locali. 
Come consuetudine, ci soffermeremo su tutti quei punti, che sono secondo noi, meritano particolare attenzione, anche perché, per l'ennesima volta, non ci saranno riprese video a testimoniare ai cittadini ciò che è accaduto o è stato detto all'interno dell'aula consigliare.
TASSA RIFIUTI

Iniziamo con la tassa rifiuti. Ci sarà un aumento delle relative aliquote per un ammontare complessivo di circa 60mila euro che ricadrà sulla cittadinanza, operatori economici compresi. Aumenti che vanno nell'ordine di 5-10€ a famiglia e, oltre i 50€, per alcune attività commerciali, come ortofrutta, pizzerie e pescherie. Il nostro voto proprio per tali ragioni è stato contrario.
Tutte le altre aliquote delle altre imposte locali invece sono rimaste inalterate rispetto gli anni precedenti ma ricordiamo anche, essere già al massimo consentito per legge. Il nostro voto, anche qui, è stato contrario.
BILANCIO 2018
Abbiamo votato contro anche al Bilancio Previsionale 2018 e il DUP 2018 dove abbiamo riscontrato per l'ennesima volta la mancanza di programmazione e la mancanza di realizzazione del programma elettorale 2014. A questo link potete approfondire la nostra dichiarazione di voto che sintetizziamo di seguito.
ENTRATE SEMPRE PiU ALTE:TRA SALASSI E UTOPIE
Anche questa volta ci ritroviamo con previsioni di entrata assai positive per non dire utopistiche o che comunque non potranno che aggravare i bilanci delle famiglie tuscanesi:
Accertamenti Imu gonfiati a € 300mila quando sono stati incassati 220mila nel 2017
Accertamenti Tarsu gonfiati a € 5000 contro lo 0€ accertato nel 2017
Aumenta di 50mila il fondo di solidarietà
Proventi acquedotto comunale lievitati di +30mila € rispetto agli accertamenti dell’anno precedente
Proventi nuovi allacci e da loculi cimiteriali aumentati di 9000€ rispetto all’accertato 2017

Anche quest’anno si continuano a spremere le tasche dei tuscanesi con le entrate per violazioni codice della strada che nel 2014 si attestavano in circa 75mila € e voi quest’anno prevedete la cifra di € 326mila € quando nel 2017 ne avete accertati 210mila. Ma mentre nei confronti dei cittadini si chiede sempre qualcosa di più su altre voci di entrata si è totalmente abbassata la guardia favorendo alcuni soggetti piuttosto che altri. Ne sono esempi emblematici le entrate da compagnie telefoniche per le antenne di telefonia mobile che vengono dimezzate passando da € 78.457,95 accertati nel 2017 a €  41.700 previsti quest’anno. O l’eliminazione dei proventi della concessione della piscina comunale che l’anno scorso hanno portato circa 6mila € nelle casse comunali. 

Le uniche economie di cassa che in maniera virtuosa portano ad un efficientamento dei costi comunali sono l’introduzione del “Rimborso spese impianti sportivi” che porta ad un +14000 € rispetto allo 0 del 2017. Questo solamente grazie alla nostra azione di controllo e denuncia che già fa vedere i primi risultati e che non potrà non avere ripercussioni per le irregolarità attuate e portate avanti negli anni. 

AUMENTO SPESE INUTILI E NESSUN RISPARMIO DI GESTIONE
Emblematico è l’aumento delle spese totali della segreteria generale che passano dai 194mila del 2017 ai 280mila previsti nel 2018. Altri esempi sono i costi per le Utenze e canoni della scuola materna più che raddoppiate che passano dai 7mila del 2017 ai 20mila previsti o i costi dello scuolabus che vengono triplicati a fronte della solita entrata che porta ad una copertura del 10% del servizio a domanda individuale.

Stesso immobilismo ha riguardato i costi della pubblica illuminazione che continuano ad aumentare passando da 220mila del 2013 ai 280mila del 2018. Di contro vengono tagliati 100mila € sui costi di investimento per la manutenzione stradale e del patrimonio comunale (170.350€ contro i 269.531 € del 2017).





giovedì 22 marzo 2018

WIFI GRATUITO PER I PICCOLI COMUNI. L'ACCESSO AD INTERNET E' UN DIRITTO.




Ieri, sul sito del gruppo M5S in Europa EFDD, e' stata preannunciata l'apertura di un bando avente ad oggetto l'utilizzo del WiFi gratuito negli spazi pubblici dei piccoli Comuni (potete leggerlo qui: http://www.efdd-m5seuropa.com/2018/03/wi-fi-gratuito-pront.html).


Il progetto denominato: "WiFi4EU" è destinato ai cittadini dell’UE e ai visitatori e permetterà loro di accedere gratuitamente a connessioni Wi-Fi in luoghi pubblici come parchi, piazze, edifici pubblici, biblioteche e centri sanitari nell’UE. Gli hotspot Wi-Fi possono essere installati dal Comune e dell'impresa di impianti Wi-Fi utilizzando il buono dell’UE.

L’iniziativa WiFi4EU è rivolta agli Enti pubblici tra cui Tuscania come potete vedere qui: 

Potranno presentare domanda i Comuni, i quali usufruiranno di un solo buono nell'intera durata dell’iniziativa del valore di 15 000€. Tale buono, andrà a coprire i costi delle attrezzature e delle installazioni degli hotspot Wi-Fi che soddisfano i requisiti definiti nel testo dell’invito e nella convenzione di sovvenzione che sarà firmata con i Comuni selezionati. Questi ultimi, sosterranno i costi della connettività (abbonamento a internet), del funzionamento e della manutenzione delle apparecchiature per almeno 3 anni.
Il Comune si farà carico anche dei costi relativi alla procedura di gara d’appalto (compresa l’elaborazione del capitolato d’oneri), della messa a punto della necessaria connettività backhaul (ad esempio l’estensione delle reti) o delle attrezzature aggiuntive non direttamente pertinenti agli hotspot Wi-Fi (postazioni di ricarica, arredi urbani, ecc.).

Proprio per la grande opportunità, come M5S di Tuscania abbiamo presentato una mozione, che potrete leggere qui https://drive.google.com/file/d/1EbZy8Jvv8ygMQS-l0zjDTwuG2v_6YBPB/view?usp=sharing, con la quale invitiamo l'Amministrazione comunale ad iniziare tutte quelle procedure burocratiche necessarie ad adempiere la richiesta di tale contributo.










mercoledì 14 marzo 2018

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 13 MARZO: CONTINUANO LE FIGURACCE E A RIMETTERCI SEMPRE I CITTADINI


È terminato poco fa (13 marzo 2018) il consiglio comunale dove per l'ennesima volta non ci è stata data l'autorizzazione a fare le riprese video.
I motivi molto probabilmente sono da ricondurre alle tante figuracce inanellate durante la discussione odierna.
Si è cominciato con l'approvazione del Regolamento Ecocentro che, attraverso il nostro Portavoce Rossi, abbiamo segnalato come sia stato interamente copiato dal Comune di Campagnano di Roma (con annessi errori grammaticali e soprattutto riferimenti normativi obsoleti e datati 10 anni fa!)
Un regolamento quindi non regolare dettagliatamente smontato punto per punto durante la seduta.

Si è proseguito poi con la scelta dell'amministrazione di esternalizzare il servizio di raccolta rifiuti. Abbiamo criticato duramente l'immobilismo di questa giunta sul tema e inoltre abbiamo verbalizzato la totale assenza di motivazioni tecnico-economiche atte a giustificare e rendere economicamente vantaggiosa tale scelta. Anche in questo caso superficialità ed approssimazione che si ripercuoteranno inevitabilmente sui cittadini con ritardi nell'attivazione della raccolta differenziata e forse anche nell'aumento dei costi relativi al servizio di raccolta rifiuti.
Infine abbiamo posto diverse interrogazioni su arsenico, inquinamento fiume Marta, urbanizzazione Alarico Santi, Piano Neve e vecchie interrogazioni/mozioni a cui la maggioranza da mesi non risponde.
In particolare su Alarico Santi, il nostro Portavoce Rossi ha interrogato sulle azioni che la maggioranza vuole adottare per risolvere una problematica che si trascina da anni. Abbiamo inoltre proposto una commissione speciale pubblica per far partecipare tutti i residenti del quartiere e tutte le forze politiche di Tuscania al fine di affrontare al meglio la questione e trovare una soluzione condivisa e di buon senso. La nostra proposta è stata bocciata dal Sindaco che ha comunicato di preferire che sia un tribunale a decidere sul da farsi e non il Consiglio Comunale.