martedì 26 marzo 2013

PARLACI DEL NOSTRO COMUNE... AIUTACI COMPILANDO IL QUESTIONARIO!


Con questo breve questionario  vogliamo approfondire alcuni aspetti riguardanti il nostro Comune. Per fare ciò abbiamo scelto di basarci sui pareri di coloro che riteniamo i maggiori esperti del territorio, cioè i cittadini stessi.
Vogliamo raccogliere le impressioni e la voce dei tuscanesi per evidenziare ed analizzare le reali problematiche del territorio che toccano quotidianamente ognuno di noi. 

Ci teniamo ad informare che il questionario è completamente anonimo. Tutte le informazioni che verranno inserite ci saranno di aiuto per raggiungere il nostro obiettivo e saranno trattate nel rispetto del D.Lgs 196/2003.

Non tutti i campi del questionario sono obbligatori, tuttavia qualora voleste rimanere in contatto con noi ed essere quindi avvertiti di future iniziative vi invitiamo a compilare il form nella sua interezza.

Grazie!

martedì 19 marzo 2013

ECOCENTRO: UN ESEMPIO DA SEGUIRE A PORTATA DI MANO


Abbiamo appreso, tramite questo avviso pubblicato sull’albo pretorio del Comune di  Tuscania, che si è svolta la gara d’appalto per la realizzazione dell’ecocentro comunale. I lavori sono stati affidati ad una ditta di Tuscania, l’impresa edile Costruzioni Castagna Francesco Sas, e questo non può che farci piacere poiché si va a dare lavoro a ditte del proprio paese, oggigiorno sempre più in difficoltà.
Con la realizzazione dell’ecocentro, speriamo quanto mai rapida, Tuscania avrà finalmente una struttura in cui i cittadini potranno conferire tutti i tipi di rifiuti differenziati, nonché altre varie tipologie quali elettrodomestici o pile usate. Questo deve essere il primo passo verso quella raccolta differenziata promessa da anni, ma mai avveratasi con successo. Ora, proprio perché abbiamo  a cuore il tema dei rifiuti, gradiremmo un’informazione quanto più possibile completa sui tempi e i modi della realizzazione sia dell’ecocentro che della raccolta differenziata.

Analizzeremo questo tema con altri successivi articoli di approfondimento perché si tratta di un punto centrale non solo degli ecologisti, ma di tutti i tuscanesi affetti da "buona volontà".
Il servizio di raccolta differenziata è un passaggio fondamentale, da cui non si può prescindere. La maggioranza dei comuni della Tuscia lo ha già analizzato, elaborato e attuato da tempo mentre a Tuscania la sua realizzazione tarda ancora ad arrivare. Il tema dei rifiuti è prioritario non solo dal nostro punto di vista etico, ma soprattutto perché tramite una virtuosa gestione dei rifiuti si riescono ad abbattere i costi di smaltimento, ad evitare le multe dell’Unione Europea e inoltre si fa una scelta eco-sostenibile in grado di lasciare ai nostri figli un mondo migliore.

martedì 12 marzo 2013

COSTRUIAMO INSIEME UNA TUSCANIA A 5 STELLE



Il principio fondamentale del Movimento 5 Stelle è la partecipazione dei cittadini. Siamo convinti che l’unico modo per cambiare e voltare pagina sia quello di dar vita ad una politica partecipata dove ognuno di noi può apportare le proprie idee e le proprie competenze e metterle al servizio della propria città. In questo modo tutte le singole intelligenze, mettendosi in contatto anche con l’aiuto di internet, possono creare un’“intelligenza collettiva”.

Il Movimento 5 Stelle non è altro che il canale attraverso il quale cittadini consapevoli mettono in rete le proprie energie, le proprie intelligenze, le proprie esperienze, culture, idee, proposte.

Per questo vogliamo costruire una rete di cittadini, lavoratori, giovani,                associazioni, professionisti, tecnici, esperti.
E tutti insieme vogliamo definire e lavorare ad un programma amministrativo partecipato che dovrà concretizzare un nuovo modello di società per la nostra Tuscania. Suggerimenti, proposte e critiche sono ciò che ci aspettiamo e che vogliamo raccogliere grazie alle nostre riunioni settimanali, i banchetti informativi e i nostri canali sul web. Voi che siete ingegneri, agricoltori, ricercatori, semplici cittadini porterete le vostre idee e la vostra esperienza quotidiana e diretta.

L'obiettivo del M5S è fare in modo che i cittadini si occupino direttamente della politica a livello locale e nazionale, non quello di diventare dei politici di professione. Il M5S è la risposta alla domanda di chi, indignato dall' ennesimo scandalo o disservizio, si chiede: "Dobbiamo fare qualcosa, ma cosa?"

Ognuno può contribuire nei limiti delle possibilità che ha. Puoi diventare attivista se vuoi collaborare a nuove iniziative e nuovi progetti comuni oppure puoi collaborare come simpatizzante facendo parte dei gruppi di lavoro che abbiamo creato. In questo modo potrai contribuire attivamente portando le tue idee e, perché no, anche le tue critiche.
 
Qui sotto troverai un modulo da compilare per segnalarci in che modo vuoi contribuire al cambiamento. Se deciderai di collaborare nei gruppi di lavoro verrai contattato al più presto per poter raccogliere le tue proposte e lavorare insieme al perfezionamento delle stesse.
Finalmente hai la possibilità di contribuire attivamente alla costruzione di un programma di governo della tua città. Vogliamo costruire un programma ispirato dalle nostre stelle,  dai principi dei “comuni virtuosi”, arricchito dalla tue idee, esperienze e competenze.

Che aspetti? ATTIVATI! <<<<<<clicca per aprire il modulo da compilare

 

lunedì 4 marzo 2013

IL PRIMO DEARSENIFICATORE? ANCORA IN ALTO MARE...


Ahinoi a distanza di un paio di mesi torniamo a parlare dell’emergenza arsenico e dei rimedi programmati dall’amministrazione comunale  per porre rimedio a tale situazione che dal 1 Gennaio ci vede fruitori di un'acqua non potabile. Torniamo a parlarne purtroppo per dire che siamo stati facili profeti quando, ai primi di Gennaio (puoi vedere l’articolo qui), dubitavamo delle previsioni e delle promesse del nostro primo cittadino in merito alla realizzazione del primo impianto di dearsenificazione. Infatti esattamente 2 mesi fa uscì il seguente comunicato stampa che diceva testualmente “sono iniziati i lavori per l'installazione del primo dearsenificatore che sarà collaudato il 28 febbraio”.

Noi in quel periodo eravamo alquanto dubbiosi sulla tempistica auspicata dal Sindaco Natali manifestandolo anche alla conferenza del 27 Gennaio organizzata per portare maggiore informazione sul tema. Questo semplicemente perché avevamo letto le carte ed eravamo arrivati a questa conclusione:

“Leggendo le carte allegate nell’ordinanza sindacale, infatti, la storia sembra diversa. Come sappiamo, i lavori di potabilizzazione delle acque sono state divise in due fasi. Una prima fase che prevede interventi per acque con concentrazioni superiori a 20 μg/l e una seconda fase per acque con concentrazioni comprese tra 10 e 20 μg/l. Leggendo l’informativa della Provincia di Viterbo (puoi vedere qui uno screenshot) apprendiamo che per la prima fase i tempi si allungano a Giugno 2013 e per la seconda fase addirittura a Dicembre 2014. Cosa vuol dire questo? Visti anche gli ultimi dati del mese di Dicembre sulle concentrazioni di arsenico nelle nostre acque, significa che il primo impianto della località Bottacce potrebbe essere ultimato entro Giugno 2013 e il secondo impianto (Guadigliolo) entro Dicembre 2014. Quindi la cosa che ci appare molto probabile è che tale situazione di emergenza durerà minimo fino a Giugno. Ovviamente saremo lieti di sbagliare le nostre previsioni…”
Ora guardando le foto scattate nella giornata di ieri non possiamo che dire di aver azzeccato le nostre previsioni, purtroppo.


L’impianto, nonostante una prima previsione di fine lavori per Ottobre, poi slittati a Dicembre ed infine al 28 Febbraio, sembra lontano dall’essere ultimato. Il che presumibilmente protrarrà la situazione di emergenza fino ai termini esposti nell’ordinanza sindacale. Se così fosse, l’acqua di Tuscania resterebbe non potabile fino a Dicembre 2014. Sarebbe un danno incredibile per tutta la cittadinanza e per gli esercizi commerciali. 

Inoltre una sola casetta dell’acqua non sarebbe per nulla sufficiente a fronteggiare l’arrivo della bella stagione e dell’estate.
Noi del Movimento 5 Stelle, condividendo anche il pensiero della Dott.ssa Antonella Litta sulle casette dell’acqua (potete vedere il video qui), non pensiamo che sia questa la strada da percorrere. Ovviamente la questione va risolta ed al momento pensiamo che l’unica soluzione da ottemperare sia l’approvvigionamento tramite acqua botti.

Attendiamo un po’ di chiarezza da parte dell’amministrazione sui motivi di questo ulteriore slittamento e su i prossimi passi che si vogliono compiere. Consapevoli del fatto che l’emergenza continuerà e a lungo.