giovedì 29 maggio 2014

760 VOLTE GRAZIE!

Il Movimento 5 Stelle di Tuscania fa un bilancio dell'ultima tornata elettorale del 25 maggio che ha permesso al gruppo locale di eleggere un rappresentante in Consiglio Comunale. A farlo è proprio il consigliere neo eletto Fabio Rossi, che occuperà uno dei 4 seggi di minoranza.

Siamo soddisfatti per l'obiettivo comunque raggiunto: entrare nelle istituzioni per avere maggiore peso politico e più potere d'azione. È inutile nascondere che speravamo in un maggiore risultato in termini di voti, ma siamo grati alle 760 persone che hanno posto fiducia in noi. La nostra campagna elettorale è stata totalmente diversa da quella delle altre liste, non abbiamo volutamente fatto dei "porta a porta" perché consci del fatto che tali metodi vadano superati. Così come non abbiamo offerto cene faraoniche poiché crediamo che siano le idee ed il programma a dover convincere un elettore. Nonostante ciò ci sono dati positivi da sottolineare”.

A Tuscania il Movimento 5 Stelle a livello di europee è andato ben al di sopra del valore medio nazionale attestandosi al 26,6%, mentre alle amministrative ha riscontrato un 13,71%.

I risultati in controtendenza delle europee credo siano premianti del lavoro svolto sul territorio da oltre 2 anni. Considerazione valida anche per le amministrative, visto il raggiungimento di una delle migliori percentuali della Tuscia.
Adesso si apre una nuova avventura che ci vedrà finalmente rappresentati in Consiglio Comunale. Eserciteremo un'azione di controllo seria e costruttiva auspicando una sana collaborazione delle varie forze rappresentate per raggiungere l'obiettivo centrale del nostro programma: il miglioramento dello stato attuale di Tuscania attraverso la partecipazione, l'onestà, la trasparenza, la legalità e il senso di comunità.

A nome di tutto il gruppo invito già da ora i 760 elettori a partecipare attivamente alle prossime azioni che intraprenderemo. Personalmente mi impegnerò ad essere portavoce loro e di tutti i cittadini che lo vorranno”. 

venerdì 23 maggio 2014

INTERVISTA AL CORRIERE DI VITERBO

Questa è l'intervista rilasciata qualche giorno fa al Corriere di Viterbo che non è stata pubblicata.
Il Movimento 5 Stelle aspira al “colpo grosso” anche nel Comune di Tuscania. Fabio Rossi, candidato portavoce Sindaco ci spiega il progetto che la lista del M5S ha intenzione di attuare. Un programma partecipato e condiviso, frutto di mesi di lavoro sul territorio.
Quali sono i principali problemi da affrontare per Tuscania ?

Uno dei problemi maggiormente sentito da tutti noi cittadini è quello del lavoro. Un Comune, pur non avendo molto potere decisionale sotto questo punto di vista, può comunque agire per cercare di incrementare nuovi posti di lavoro. Crediamo che azionando un serio progetto, capace di coinvolgere l’intera comunità nei diversi settori illustrati nel nostro programma, si possa creare sviluppo a beneficio del territorio. Per esempio ciò è possibile per il turismo e l’agricoltura, se come cabina di regia c’è un Comune che favorisce le produzioni locali e la promozione di un marchio di Denominazione Comunale. Anche la raccolta dei rifiuti può diventare una risorsa per l’intera cittadina: attuando un sistema integrato di raccolta differenziata porta a porta, in sinergia con i centri di riuso e riciclo, possiamo portare nuove occupazioni e risparmio per le casse comunali a medio-lungo termine, preservando allo stesso tempo l’ambiente.

Altre proposte che sono incluse nel vostro programma?

Riteniamo fondamentale ridurre ogni tipo di spreco o spesa non necessaria. Ad esempio punteremo sull’efficienza energetica: per limitare le ingenti spese di illuminazione e riscaldamento dei locali comunali aderiremo a progetti già adottati con successo in altri paesi. L’ottimizzazione delle risorse materiali ed umane dovrà andare di pari passo con l’erogazione di servizi migliori e nuovi. Avremo un occhio di riguardo per le politiche sociali, specialmente per giovani e anziani, che andranno coinvolti in progetti inclusivi. Il principio che attueremo in ogni scelta amministrativa sarà quello del “buon padre di famiglia”. Nessuno dovrà rimanere indietro e tutti dovranno essere coinvolti tramite l’istituzione di una Consulta cittadina. Quello che vorremmo sposassero i tuscanesi il 25 maggio è una sorta di patto territoriale sottoscritto da eletti ed elettori, capace di portare benefici non indifferenti e migliorare il senso di comunità già esistente. Siamo consapevoli che l’esempio debba partire da noi ed è per questo motivo che dimezzerò la mia indennità di Sindaco, parte della quale andrà ad alimentare un fondo da destinare alla cittadinanza, sull’esempio dei nostri rappresentanti in Regione e Parlamento.

Parlate spesso di partecipazione dei cittadini, come pensate di stimolarla ed attuarla?

Rendendo ogni azione amministrativa trasparente e facilmente accessibile. Solo portando l’informazione nelle case di tutti i tuscanesi possiamo rendere i cittadini liberi ed autonomi di valutare l’operato dei propri rappresentanti nelle istituzioni. In ogni caso manterremo sempre alta la comunicazione “tradizionale”, il Comune sarà costantemente aperto al dialogo e al confronto diretto con il cittadino.

Perché i tuscanesi dovrebbe dare la fiducia al M5S?


I tuscanesi devono avere il coraggio di staccarsi definitivamente da tutte quelle logiche partitiche e clientelari che hanno tenuto sotto scacco Tuscania negli ultimi 25 anni. I personaggi politici che si propongono come risolutori dei problemi attuali sono gli stessi che, anni fa, questi problemi li hanno creati. Vanno fatte scelte importanti e solo un soggetto politico nuovo come il M5S può portare avanti con credibilità tali azioni. Il mio appello in particolare va ai giovani e agli anziani: non lasciatevi imbrigliare da futili “ricatti” psicologici, uniamo le forze, l’esperienza dei più grandi e la voglia di fare dei giovani. Cambiamo questo paese per non essere costretti a cambiare paese!

L’AMMINISTRAZIONE E I CONTI DELLA MASSAIA


Alcuni pensano che sia luogo comune criticare chi governa… ma le cifre, a volte, smentiscono questa opinione. Le cifre sono dati, fatti reali, informazioni che permettono al cittadino comune di riflettere, di elaborare un proprio pensiero. Abbiamo pensato di presentarvene alcune attraverso la personale prospettiva di una “massaia”, una casalinga abituata tutti i giorni a far “quadrare” il proprio “bilancio familiare”. 


La lavatrice e la rete idrica
Quando si rompe la lavatrice, la massaia risparmia, rinuncia a quel poco di rinunciabile  nelle sue spese quotidiane, per acquistarne una nuova: i nostri amministratori no! Meglio spendere € 100.000 in riparazione della rete idrica piuttosto che iniziare a rifarla (CIG* Z4E0713812 data inizio 29.12.2012 - data ultimazione inesistente) *(CIG=Codice Identificativo Gara).

C’è afa e afa
Ad agosto quando la nostra massaia è in fila per pagare il Ticket a Piazza Basile, oppure al consultorio (terzo piano raggiunto con culla e bambino in braccio) per fare il vaccino al pupo, l’afa è insopportabile, brama un po’ di fresco. Peccato che il suo Comune abbia speso € 1.200 per un condizionatore installato nella stanza del Sindaco (CIG ZBE077B5C2 data inizio 01.12.2012 - data ultimazione 23.12.2012). Tanto si sa, l’aria fredda non è consigliata ai neonati. E prima o poi avrà anche un bell’ascensore costato appena € 126.000 (stanziati e non ancora erogati) negli uffici ASL di piazza Basile (CIG 5199893F6F, 5199908BD1…).

Rifiuti, differenziate e inquinamento
La nostra massaia è sensibile ai problemi dell’inquinamento. È naturalmente preoccupata per il futuro dei propri figli. Quanti gas hanno prodotto gli scarichi dei mezzi comunali per i quali sono stati spesi circa € 90.000 di carburante? Alcuni, candidati sindaco, dicono che la differenziata costa e non è necessaria. Invece finora abbiamo speso circa € 125.000 (CIG Z5B08F9AB1, Z90087886C,…) di spese per la raccolta rifiuti (escluso noleggio mezzi, manutenzione, riparazione, carburante, etc.) anche perché il compattatore subisce due cambi ruote l’anno, oltre alla manutenzione e al noleggio. La nostra massaia l’avrebbe da anni comprato a rate.

Lo Scuolabus
La massaia avrebbe comprato a rate anche un altro scuolabus, visto che è stanca di alzarsi alle 6 del mattino per il primo giro. Oppure di dover portare il bimbo a scuola con i mezzi propri, perché non vuole fargli perdere mezz’ora di scuola visto l’orario del secondo giro.

L’immondizia della domenica
La massaia, si sa, è sensibile al problema dello smaltimento dei rifiuti. Dal sabato al lunedì evita di gettare immondizia nel cassonetto e per smaltire carta, ferro e vetro si reca all’isola ecologica all’Olivo dove una telecamera che costa circa € 450 al mese (CIG Z9109479B2, Z890BE155) vigilerà che lei non vada a depositarvi nulla fuori orario. Ma a quel punto la massaia pensa: “con € 450 al mese, la telecamera non la compravo in un anno?”

Acqua fuorilegge ed impianti ad impatto ambientale
Nonostante tutto la massaia si fida ancora di chi governa e pensa che i soldi pubblici (perciò anche i suoi) saranno gestiti nel migliore dei modi. Invece, ad un certo punto, guardando il proprio figlioletto, vede che ancora beve acqua in bottiglia perché il dearsenificatore non funziona… E poi vede anche che chi governa (maggioranza e opposizione) non si è opposto alla costruzione di una centrale alle porte del paese i cui effetti derivanti dalle onde elettromagnetiche non potrebbero essere poi così salutari.

Camminare fa bene
La massaia, è parsimoniosa, si sa. Predilige girare a piedi perché tra bollo, assicurazione e carburante, l’auto costa. Nel 2013 le spese per le assicurazioni dei mezzi del Comune sono da capogiro. Non si riesce nemmeno a fare bene i conti tra polizze verso terzi, polizze RC auto, polizze RC di RC… (CIG Z3B0A47B6D).

Lo svago negato
Nel weekend finalmente la massaia può rilassarsi negli spazi comunali. Solo alcuni piccoli problemi: la piscina dell’Olivo è inagibile, le piste ciclabili sono inesistenti, le giostrine per i bambini sono in prossimità del cimitero accanto all’area di sosta dei camper dove i turisti hanno alloggio gratuito!

Pulizie negli uffici comunali e attenzione alla scuola
Ma quando finalmente scopre gli importi a 5 cifre delle pulizie degli uffici comunali (CIG ZF9085DAD8, Z280860685…), la massaia sorride e pensa: “chi governa e amministra i miei soldi (maggioranza e opposizione) è particolarmente attento all’igiene”. Chissà se con parte di quei soldi avrebbero potuto comprare banchi e lavagne interattive multimediali per la scuola… almeno riparare la rete internet delle medie che non funziona da febbraio… eppure in Comune la rete Lan è costata 28.000 euro (CIG Z7808D4494), possibile che non ci sia scappato nemmeno un router per la scuola primaria? Per fortuna che almeno 20 banchi a marzo sono arrivati (pari a € 1.000 circa… sempre meno del costo di un condizionatore… sigh!)

La massaia a questo punto si arrende, vuole dire la sua…
Si rende conto che alla fine tutti quelli che si sono alternati negli ultimi 25 anni nell’amministrazione dei soldi pubblici hanno avuto un ordine di priorità che non le appartiene, che non è quello del buon senso.


Per queste ragioni la massaia decide di votare MOVIMENTO 5 STELLE! 
Almeno loro le chiederanno se preferisce un banco in più per i bambini o un condizionatore in più in Comune!

giovedì 22 maggio 2014

I PARADOSSI DELL'OBIETTIVO COMUNE...

“Una corretta politica economica è l’obiettivo dell’Amministrazione Comunale, che deve innanzitutto puntare al risanamento del Bilancio. Questo può essere raggiunto razionalizzando i costi, riorganizzando la macchina amministrativa, tagliando sprechi e spese inutili, ridurre i contenziosi legali e riorganizzare ed ottimizzare l’impiego del personale. Avviare politiche gestionali così da dare slancio alle attività economiche con l’obiettivo di poter arrivare alla riduzione di alcuni tributi locali.”

La gente non ha la memoria da “pesce rosso” e ricorda benissimo chi ha amministrato in tutti questi anni Tuscania!

-------------------------------------------------------------------------------------------

“L’aumento delle entrate passa attraverso una politica di incentivazione della produzione di energia rinnovabile, sempre nel rispetto e salvaguardia del nostro territorio.”

Quale è la correlazione tra produzione di energia elettrica ed aumento delle entrate?

-------------------------------------------------------------------------------------------

“Un capitolo importante è la cartolarizzazione del patrimonio immobiliare, tutto ciò porterà un ingente introito per le casse Comunali.”

Chi studia bilancio da anni in tutte le sue forme sa bene che la regola numero uno è non vendere mai gli immobili che possiedi, a meno che tu non sia vicino al fallimento
Lo strumento maggiormente usato è la cartolarizzazione del patrimonio immobiliare. "Cartolarizzare" significa mettere in atto un'operazione attraverso la quale un ente cede immobili che intende dismettere a un ente terzo (società veicolo) creato ad hoc per la realizzazione di questa manovra.

Questa operazione genera diversi tipi di problemi:

- è necessario creare una società veicolo con oggetto esclusivo la realizzazione di una o più operazioni di cartolarizzazione;
- l'Ente non entra direttamente nelle dinamiche di vendita degli immobili e spesso non ne può gestire i dettagli finanziari; 
- il costo di gestione è in capo all'Ente, che spesso deve pagare consulenze esose a noti "uomini" di finanza; 
- non c'è certezza nella collocazione degli immobili sul mercato, dunque l'operazione non dona copertura certa agli impegni che l'ente decide di coprire con i futuri introiti;
- in molti enti la cartolarizzazione si traduce in una semplice creazione di "fondo immobiliare" partecipata da banche e fondazioni (questo spesso genera problemi nella gestione del potere). 

Questo strumento porta forti instabilità finanziarie all'interno degli enti che usano uno strumento non risolutivo e non definitivo per tamponare in modo temporaneo le grosse emorragie create dal cattivo utilizzo della "cosa pubblica".

A NOI NON PIACE CHE I NOSTRI BENI E LE NOSTRE PROPRIETÀ VENGANO CEDUTE SE CIÒ NON È NECESSARIO!

-------------------------------------------------------------------------------------------

“Operare il cambio di destinazione d’uso di alcune aree di proprietà dell’Amministrazione Comunale, consentirà la loro alienazione con possibilità di ulteriori elevati introiti.”

Convertire terreni agricoli in edificabili e poi venderli? A chi? E dopo aver venduto tutto cosa ci rimane per coprire le spese? Siamo pieni di case non vendute!

-------------------------------------------------------------------------------------------

"Procedere alla creazione di un Istituto Omnicomprensivo con un’unica presidenza, che abbia la capacità di mantenere e potenziare l’offerta formativa delle scuole tutte, integrando i programmi di studio curriculare con P.O.F. specifici del nostro territorio e delle nostre tradizioni.
Favorire progetti educativi e formativi nelle scuole, organizzando anche attività motorie per i bambini delle scuole primarie."

P.O.F.= Piano offerta formativa
Il POF è il documento che redige la scuola non il Comune! Nel POF è LA SCUOLA CHE DECIDE quali proposte del Comune includere e non viceversa! L’attività motoria VIENE GIÀ svolta dalla primaria!
-------------------------------------------------------------------------------------------

"Rimodulazione e correzione attraverso incontri pubblici e con gli esperti del settore, per migliorare il progetto per la raccolta differenziata già avviato dall'attuale Amministrazione, al fine di poter rendere un servizio più efficiente per i cittadini".

Quale progetto della differenziata? Inoltre le riprese effettuate all'incontro tra candidati sindaci, organizzato da Assotuscania, dimostrano che secondo Lei la raccolta differenziata è inutile e costosa quindi perché viene menzionata qui? E poi tutti questi esperti di immondizia chi li paga?

-------------------------------------------------------------------------------------------

"Occorre rivedere e modificare il concetto di Riserva Naturale.
A questo scopo proporremo alle Istituzioni competenti, la modifica dell’attuale
riserva naturale in PARCO ARCHEOLOGICO con la riduzione del perimetro attuale."

La gente lo sa che il “merito”della realizzazione della Riserva Naturale è suo e di un altro candidato a lei vicino in passato? Inoltre, perché i proprietari terrieri, così come da delibera n.13 del 1998, non furono informati sulle rigide regole vigenti nella Riserva? Visto che parlate anche oggi, come allora, di riduzione del perimetro, come mai non è stato mai attuato (vedi delibera comunale n.66 del 2000)?
Una buon amministratore ammette sempre i propri errori!

-------------------------------------------------------------------------------------------

"Sarà necessario adottare un nuovo PRG in quanto le aree edificabili sono ormai esaurite."

PRG=Piano Regolatore
Premesso che il piano regolatore richiede un notevole dispendio di soldi, chi lo paga? Inoltre visto che abbiamo un nutrito numero di case non vendute, non sarebbe opportuno recuperare ciò che già esiste?
----------------------------------------------------------------------------------------------------------

"Il comprensorio di espansione circostante il quartiere ex Gescal è praticamente diventata una zona dimenticata. Emerge una situazione visibilmente degradata. A nostro avviso sono necessari interventi sulle infrastrutture esistenti, sulle aree destinate a verde e ludico ricreative, occorre migliorare l’intera viabilità e garantire un decoro all'intero comprensorio."

Parliamo forse degli interventi alle fognature che avrebbero dovuto realizzare in concomitanza con la costruzione delle abitazioni di detta area e pagate dai contribuenti perché non terminate?

mercoledì 21 maggio 2014

QUESTIONE DI "ESPERIENZA"


CI DICONO CHE SIAMO INESPERTI MA LA SITUAZIONE POLITICA LOCALE DI QUESTI ULTIMI ANNI HA MESSO IN EVIDENZA COME “ESPERTO”  NON SIA SINONIMO DI BUONA AMMINISTRAZIONE.



E’ dal 1988 che a Tuscania assistiamo a giri di valzer, alleanze, divorzi, accordi,  liti e riappacificazioni dei soliti personaggi. E non abbiamo considerato parenti, amici, figli e figliastri. Vi siete mai chiesti da quanto tempo amministrano le solite persone?
Proviamo a darci una risposta analizzando come alcuni personaggi che si candidano anche quest’anno, in realtà hanno avuto diverse opportunità di amministrare negli ultimi 25 anni.





martedì 20 maggio 2014

"MA MI FACCIA IL PIACERE..."

La campagna elettorale sta volgendo al termine. In questo arco temporale sono state molte le occasioni di confronto tra le varie liste, che hanno comunicato le proprie idee e le proprie convinzioni. Molte di queste sono per noi incondivisibili e a dir poco “stonate”. 

Per farne un riassunto, presentiamo in anteprima comunale la Hit Parade dei Jingle suonati (sarebbe meglio dire deflagrati) durante questa campagna elettorale.





8° POSTO: Crociere (autore Natali)
Incontro e dibattito candidati sindaco 09/05/2014
I croceristi non li vogliamo, sporcano e basta”. Vorrà dì che manco quest’anno jela fanno a porta’ il mare a Montebello.



7° POSTO: Programma (autore Brachetti)
Incontro e dibattito candidati sindaco 09/05/2014
Come intende sviluppare il turismo, l’agricoltura e il commercio?" "È inutile rispondere ora, leggete il programma”. Della serie, scusi, che ore sono? È nuvoloso.




6° POSTO: Trasparenza (autore Natali)
Incontro e dibattito candidati sindaco 09/05/2014
Il sito del comune è efficiente, funzionale e rappresenta un utile strumento di comunicazione diretta tra il cittadino e gli Amministratori”; peccato che da Luglio 2013 non funziona! E’ attivo solo da pochi giorni; forse gli era avanzata una manciata di asfalto. 



5° POSTO: Programma in progress 
(autori vari, coro strumentale del PD)
Diversi giorni dopo la presentazione del programma del PD in Comune è apparsa la riduzione del 50% dei compensi del sindaco e degli assessori; affiora la preoccupazione di Scarito: se il progress continua sarà costretto a pagare di tasca sua 80 euro ad ogni cittadino residente.



4° POSTO: Cartolarizzazione (autore Bartolacci)
Vuole vendere “immobili” del Comune di Tuscania attraverso una pericolosa procedura finanziaria. Avviata asta per l’acquisto (tre al prezzo di uno) dei tre candidati sindaco delle tre liste civiche. 



3° POSTO: Differenziata (autore Bartolacci)
Incontro e dibattito candidati sindaco 09/05/2014
La raccolta differenziata non conviene”. Peccato che è obbligatoria. Della serie “Mamma non voglio andare a scuola…”



2° POSTO: Riserva Naturale (autori Bartolacci/Brachetti)
Incontro e dibattito candidati sindaco 09/05/2014
Riduciamo i confini della riserva”. Cercasi famiglie volenterose disposte all’adozione anche a distanza di cinghiali senza fissa dimora.



1° POSTO : Arsenico (autore Natali)
Dibattito candidati sindaco per ViterboNews24 12/05/2014
 “Dovete sapere che da studi fatti non si riesce a capire se l’arsenico fa bene o fa male”. È in studio un progetto per la realizzazione delle Nuove Terme Salus da posizionare presso il Riofecciaro al posto della fontanella, alimentate dall’acqua dell’acquedotto delle Cerquette, quello a 100 mt di distanza dal dearsenificatore. Si garantiscono trattamenti rinvigorenti, per malattie respiratorie, pancreatiti elettorali, gargarismi e anche la possibilità di happy hour con cocktail a base di arsenico a 100mg per litro.


Insomma, ridiamo per non piangere!

venerdì 16 maggio 2014

TASSE COMUNALI: AUMENTI SPROPOSITATI DEI DIRITTI DI SEGRETERIA

I cittadini  hanno il diritto di sapere per essere consapevoli delle loro scelte elettorali


Invitiamo i lettori a dare uno sguardo a questo link del sito del Comune di Tuscania; attraverso esso è possibile avere un quadro sugli aumenti pecuniari per “nuovi diritti di segreteria e di istruttoria in materia urbanistico edilizia e lavori pubblici” voluti da questa amministrazione, che ha spropositatamente messo le mani in tasca dei tuscanesi.

A parer nostro di tratta di tasse subdole, che non colpiscono tutti contemporaneamente ma ti aspettano al varco perché sono enormi e sproporzionate alla certificazione o autorizzazione richiesta se raffrontate a quelle di altre comuni, Roma compresa (il paragone lo potete fare navigando nei siti istituzionali dei Comuni).

Per la tassa diritti di segreteria prima bastavano 26 euro a pratica, ora è stata fatta una diversificazione con aumenti eccessivi.

Gli assessori PDL del tempo (i nomi sono in calce alla delibera N°94 del 27/05/2010) ci hanno lasciato questo ricordo, ricordiamoci bene di loro in cabina elettorale all'atto di esprimere la preferenza, anche se si sono ripresentati sotto altri simboli e non risulta che l'opposizione sia intervenuta in merito.

Esempio per vedere gli aumenti in % per il rilascio del certificato di agibilità:

 Fino a 300 mc            € 150.00     aumento      476  % 
 da 300mc a 600 mc    € 300.00     aumento     1053 %
 da 600mc a 900 mc    €  450.00    aumento     1630 %

Se i Tuscanesi ci daranno la responsabilità di amministrare, riesamineremo  queste assurde tasse che oltretutto rallentano l'attività degli studi tecnici e attività imprenditoriali del settore. Tuscania ha bisogno di riqualificare e valorizzare ciò che già si è costruito. Per farlo bisogna attuare delle scelte ad ampio respiro che coinvolgano tutti gli uffici agevolandone le procedure sia per i tecnici che per il cittadino.






mercoledì 14 maggio 2014

QUESTIONE SCRUTATORI: "CHI DICHIARA IL FALSO NON SIAMO NOI, ESIGIAMO DA NATALI UNA PUBBLICA SMENTITA"

In merito all'articolo uscito l'8 maggio sul Corriere di Viterbo, in cui il sindaco Massimo Natali nega ogni riferimento fatto da una componente della commissione elettorale alla Caritas e Croce Rossa, il Movimento 5 Stelle tiene a ristabilire la verità dei fatti. A farlo è direttamente Fabio Rossi, candidato sindaco portavoce alle amministrative del 25 maggio.

"È molto grave che Natali, che dovrebbe essere il sindaco di tutti, ci accusi di aver dichiarato il falso e neghi la realtà dei fatti, nonostante lui non fosse presente al momento delle dichiarazioni rese da una dei componenti della commissione elettorale al termine delle operazioni di designazione degli scrutatori. Vogliamo dunque consigliare al primo cittadino di controllare più efficacemente le affermazioni dei suoi sodali, che hanno, loro, riportato delle dichiarazioni false attribuendo alla Caritas e alla Croce Rossa delle responsabilità inesistenti, visti i principi etici e di riservatezza che queste associazioni seguono con scrupolosità.

Ma Natali non deve credere a noi, considerato che da tempo per lui raccontiamo falsità, può tranquillamente consultare i cittadini presenti la mattina del 5 maggio, tutti disposti a rendere la propria testimonianza. Qualora ciò non bastasse può contattarci per ascoltare direttamente la registrazione audio, che una persona presente ha avuto l'accortezza di fare, di quanto affermato dalla componente della commissione elettorale.


Pertanto - conclude Rossi - chiediamo al sindaco Natali una pubblica smentita in merito alle accuse gratuite rivolteci, auspicando una sua presa di distanza da tali affermazioni comprovate".

domenica 11 maggio 2014

IL #VINCIAMONOI TOUR FA TAPPA A TUSCANIA




Nonostante il forte ostruzionismo dell'amministrazione comunale, Tuscania c'è e sarà tappa di un'Agorà e una domenica speciale a 5 stelle!

Il Movimento 5 Stelle di Tuscania, in occasione delle elezioni europee ed amministrative 2014 presenterà i propri portavoce, il candidato Sindaco Fabio Rossi, supportati dai parlamentari Elena Fattori (Senato), Roberta Lombardi (Camera) e dal consigliere regionale Silvia Blasi. Presenteranno il programma del Movimento 5 Stelle i candidati al parlamento europeo Davide Tamburrano, Giovanni Ghirga e Fabio Massimo Castaldo.


L'incontro si terrà presso il Supercinema, Via Garibaldi, 1 alle ore 17.00, non mancate!!! 

E poi tutti a Viterbo, ore 20.00, per una mega agorà a cinque stelle!!!


venerdì 9 maggio 2014

ATTACCO ALLA DEMOCRAZIA, NEGATA LA PIAZZA AL M5S PER UN’AGORÀ CON I PARLAMENTARI

Siamo letteralmente esterrefatti dal comportamento del sindaco Massimo Natali, che ha deciso di negarci lo svolgimento di un’agorà pubblica tra cittadini e parlamentari della Repubblica italiana, nonostante tutte le richieste scritte e i tentativi di incontro mediati dalla Prefettura di Viterbo.

L’11 maggio Tuscania sarà tappa del tour nazionale che vedrà la presenza di parlamentari e candidati alle elezioni europee del 25 maggio. Nonostante il luogo e l’evento siano stati comunicati da circa un mese agli organi preposti, in questa settimana abbiamo assistito all’irragionevolezza più totale. Appellandosi ad una inesistente cerimonia religiosa e ad infondati motivi di viabilità ed ordine pubblico correlati alla Fiera di Maggio, che si terrà nel centro storico, il sindaco Natali ci ha negato l’area del giardino comunale “Da Venturino”. Tralasciando le numerose contraddizioni contenute nel diniego, vogliamo soffermarci principalmente su due punti:
  1. 1   Da ordinanza prefettizia che regola la propaganda elettorale il sindaco doveva fissare i luoghi (sia all'aperto che al chiuso) dove far svolgere normalmente i comizi: cosa mai fatta!
  2.     Il giardino comunale è un’area esclusa dalla viabilità e totalmente a sé stante dal centro storico.

In questa settimana più volte ci siamo confrontati con la Prefettura, che ha cercato di mediare con il sindaco per rivedere il diniego, sottolineando l’importanza di garantire a tutte le forze politiche la possibilità di effettuare comizi pubblici tra i cittadini. Ma Natali, che ricordiamo è anche candidato a sindaco alle imminenti elezioni, ha confermato la sua decisione. A questo punto, da parte nostra siamo costretti a denunciare questo grave impedimento alla libertà di espressione e confronto, garantita peraltro dalla Costituzione italiana.

Teniamo a sottolineare che, oltre al danno, abbiamo dovuto subire anche la beffa di vederci consigliati luoghi alternativi totalmente periferici e distanti più di un chilometro dal centro abitato. Anche tale azione è del tutto in contrasto con quanto stabilito dalla nota prefettizia, che testualmente recita: “Si segnala, in proposito, l'opportunità che la scelta cada sui punti normalmente destinati alle pubbliche manifestazioni.”


Che dire? Lasciamo a tutti i tuscanesi le dovute considerazioni, noi non ci arrendiamo: faremo ugualmente l’incontro cittadini-parlamentari in un luogo chiuso. L’appuntamento è quindi sempre per domenica e a breve seguiranno aggiornamenti. 

martedì 6 maggio 2014

NOMINA SCRUTATORI: COME AL SOLITO A RIMETTERCI SONO STATI I TUSCANESI BISOGNOSI

Si è svolta ieri 6 maggio, alle ore 13, la nomina degli scrutatori per le ormai imminenti elezioni amministrative ed europee del 25 maggio, che ha visto come spiacevole consuetudine la nomina diretta degli iscritti all’albo. A nulla è valsa la nostra istanza presentata in data 04/04/2014 con la quale chiedevamo come titolo di precedenza, ai fini della nomina ad incarichi relativi alla formazione dei seggi, la valutazione dello stato di disoccupato/inoccupato, o comunque l’appartenenza alle fasce sociali più deboli. La nostra istanza non ha mai ricevuto alcuna risposta e proprio ieri ogni speranza di cambiamento è stata disattesa.

Informiamo, per correttezza e trasparenza nei confronti dei cittadini, che sempre nella mattinata di ieri era sorta l’iniziativa, da parte di altre forze politiche, di inviare una lettera condivisa dalle liste concorrenti per ribadire il concetto del sorteggio espresso da noi, dando così priorità a chi ha difficoltà economiche. Benché questa lettera sia stata tardiva e senza tante probabilità di successo, abbiamo deciso di appoggiare l’iniziativa perché in linea con quanto da mesi andiamo dicendo. Tuttavia la lettera, e quindi la richiesta alla commissione elettorale, non è mai arrivata ai soggetti interessati poiché alla fine gli esponenti delle altre forze politiche si sono defilati.

Riteniamo queste mosse politiche degne delle più antipatiche strategie di campagna elettorale. Strumentalizzando le difficoltà economiche dei tuscanesi si è cercato di lanciare spot elettorali last minute, fini a se stessi, tralasciando ogni interesse per la comunità.

Da questo giochino elettorale non ne escono bene neppure l’attuale Giunta, che ha totalmente ignorato la nostra istanza (benché la legge dica che un procedimento amministrativo deve essere chiuso entro 30 gg), e la commissione elettorale tutta, che ormai non è neanche più rappresentativa del volere del popolo visto che eletti rappresentanti della minoranza ora appoggiano apertamente o meno la maggioranza.

Oltretutto un componente della commissione elettorale ha giustificato tali nomine attribuendo alla Caritas e alla Croce Rossa la segnalazione delle liste consegnate. Per maggiore chiarezza abbiamo dunque contattato importanti esponenti della Caritas locale e la delegata territoriale della Croce Rossa che hanno totalmente smentito la fondatezza di tale affermazione.

Inoltre ci sarebbe piaciuto vedere nella lista degli scrutatori qualche ex dipendente della cartiera o dipendente dell’impianto di compostaggio, che in questo momento vivono un momento di difficoltà economica.

Siamo molto amareggiati e delusi da questi atteggiamenti che allontanano sempre di più i cittadini dalla politica per favorire sempre le solite schiere con i soliti noti.

lunedì 5 maggio 2014

UN GRAZIE SINCERO

Ringraziamo uno ad uno tutti i tuscanesi che nel pomeriggio di domenica 4 maggio sono intervenuti alla presentazione della nostra lista e del programma partecipato! 







sabato 3 maggio 2014

M5S TUSCANIA, PRESENTAZIONE PUBBLICA DI LISTA E CANDIDATI


Il Movimento 5 Stelle di Tuscania presenta i candidati della lista civica e il candidato portavoce Sindaco, Fabio Rossi, domani (domenica 4 maggio 2014 ndr), alle ore 17.30, presso l’Hotel Tuscania Panoramico in via dell’Olivo, 53.

All’incontro sarà presente anche la consigliera regionale Silvia Blasi che parlerà delle ultime azioni intraprese riguardanti il territorio tuscanese.
Oltre alla presentazione della lista dei candidati, verrà illustrato ai presenti il programma realizzato in questi mesi attraverso una serie di incontri pubblici, di confronto con i cittadini e mediante l’utilizzo di strumenti consultivi come questionari e sondaggi.
Verranno affrontati tutti i temi legati all’amministrazione del nostro Comune, quali il turismo, la legalità, la sicurezza, le politiche sociali, l’agricoltura, la trasparenza, la partecipazione e molto altro.

Il Movimento 5 Stelle si candida ad essere il portavoce dei cittadini all’interno delle istituzioni, dunque spiegheremo la peculiare differenza tra un consigliere tradizionale e un “portavoce”, quale metodo di lavoro proponiamo ai cittadini perché il nostro programma rimanga un laboratorio aperto ai comitati, alle associazioni e a tutte quelle persone che vorranno essere cittadinanza attiva e cooperativa con le istituzioni, per la segnalazione dei problemi e per lo sviluppo di soluzioni condivise.

Vi invitiamo a partecipare all'evento e a porci domande per discutere insieme del futuro della nostra amata Tuscania. Grazie.

Vi aspettiamo!