mercoledì 2 dicembre 2015

CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 NOVEMBRE: PASSA UNA SOLA MOZIONE M5S

Nella serata di lunedì 30 novembre si è tenuto il Consiglio comunale con in discussione le 4 mozioni che il M5S aveva presentato da mesi. Infatti, la seduta precedente era stata rinviata a causa della maggioranza che, nel momento di affrontare il voto delle 4 proposte pentastellate, aveva fatto mancare il numero legale per proseguire i lavori. Bottino magro e indignazione per i 5 stelle che si sono visti approvare una sola mozione delle quattro proposte.


“E’ stato un siparietto non proprio edificante per la politica tuscanese – racconta il portavoce Fabio Rossi – innanzitutto, perché si è votato contro delle proposte che andavano ad aiutare chi, in questi duri momenti di crisi, ha realmente bisogno e ad incentivare una raccolta differenziata ancora colpevolmente assente sul nostro territorio
Due delle 3 mozioni bocciate dalla maggioranza guidata dal Sindaco Bartolacci, infatti, riguardavano l’istituzione  anche a Tuscania del cosiddetto baratto amministrativo, che consentirebbe a quei cittadini in situazioni di disagio economico e sociale di recuperare parte dei propri debiti con il Comune attraverso ore di lavoro per la comunità, e l’installazione sul territorio comunale  degli eco compattatori in grado di rilasciare buoni sconto ai tuscanesi, in cambio del conferimento di plastica e alluminio.
“In secondo luogo -  continua Rossi – la gravità dell’esito di queste proposte, è che si è votato esclusivamente per preconcetti politici senza valutare nel merito le nostre idee che paradossalmente, a detta della stessa maggioranza, sarebbero condivisibilissime. Si è preferito scegliere di non scegliere, arroccandosi nell’ordinaria amministrazione che da decenni contraddistingue la politica tuscanese. Siamo stanchi di assistere ad una politica che non sa decidere e non vuole dare svolta al nostro bellissimo paese. Oltretutto, l’unica mozione approvata (adesione al Patto dei Sindaci), ha visto anch’essa un’ inspiegabile forzatura. Si pensi che da 8 mesi l’abbiamo presentata e, solo ora, è stata discussa per via dello scadere dei finanziamenti regionali sull’efficientamento energetico”.

Oltretutto i motivi di contrarietà alle 2 mozioni (che sono attuate in centinaia di paesi italiani tra cui Viterbo e paesi limitrofi) hanno dell’incredibile a detta del gruppo 5 stelle. “Abbiamo sentito dire dall’Assessore al Bilancio – dichiarano gli attivisti 5 stelle - che si preferisce aspettare qualche anno per vedere i comuni “virtuosi” come si comporteranno con il baratto amministrativo e poi eventualmente seguirne l’esempio. Oppure l’Assessore all’Ambiente promettere gli eco compattatori congiuntamente all’avvio della raccolta differenziata che ormai sembra un miraggio”.

Insomma, secondo questa maggioranza, c’è da aspettare a Tuscania per stare al passo…


M5S TUSCANIA



domenica 22 novembre 2015

CONSIGLIO COMUNALE DEL 23 NOVEMBRE: IN DISCUSSIONE 4 MOZIONI M5S


Lunedì 23 novembre, alle ore 18:30, in Consiglio Comunale il Movimento 5 Stelle di Tuscania, rappresentato dal consigliere Fabio Rossi, presenterà quattro mozioni protocollate nei mesi precedenti.

“La prima mozione – spiegano i 5 stelle – fu presentata lo scorso aprile e riguarda la possibilità di aderire al Patto dei Sindaci, cioè un accordo volto al risparmio e all’efficientamento energetico, permettendo varie possibilità di accedere ai finanziamenti europei.
La seconda mozione ha l’obiettivo di modificare il regolamento dell’area mercatale, che risale agli anni ‘80 ed è ormai obsoleto rispetto alle varie normative attuali. È doverosa perciò una rivisitazione di questa regolamentazione a tutela anche dei consumatori, della libera concorrenza degli operatori e della valorizzazione delle realtà commerciali locali.
La terza mozione è finalizzata all’installazione di eco-compattatori sul territorio comunale, in grado di rilasciare buoni sconto ai tuscanesi, in cambio del conferimento di plastica e alluminio. Una proposta che potrebbe generare diversi benefici economici ed ambientali ai cittadini, alle attività commerciali e al Comune stesso che potrebbe così intraprendere un circuito virtuoso del riciclo del rifiuto.
La quarta mozione, infine, ha come oggetto la richiesta di istituire anche a Tuscania, il cosiddetto baratto amministrativo, che si pone l’obiettivo di ridare dignità a tutti coloro che spesso si trovano ad essere indicati come morosi nei riguardi del Comune, magari per cause indipendenti dalla loro volontà. Questo strumento è stato già approvato in moltissime altre città italiane (tra cui Viterbo grazie ad una mozione a firma M5S), e necessita, per una totale efficacia, di un regolamento quanto più puntuale e restrittivo possibile in grado di selezionare la tipologia di morosità da andare a sanare, tutelare al massimo la dignità dei fruitori e i servizi comunali da far esercitare. Proprio per questi motivi, vogliamo ripetere l’esperimento di partecipazione attiva fatto per il regolamento antenne, che ha dato ottimi risultati. Mettiamo a disposizione la nostra bozza di regolamento (puoi leggerla e scaricarla qui) per permettere a tutti di leggerla e fare le necessarie osservazioni e integrazioni (da inviare a tuscania5stelle@gmail.com), che verranno recepite contribuendo alla stesura del testo definitivo da portare in commissione, a seguito dell’approvazione della mozione, che auspichiamo.

Pertanto – conclude il M5S – è importante che al Consiglio Comunale di lunedì 23 novembre partecipino quanti più tuscanesi possibili, ricordiamo che le sedute sono aperte al pubblico”.

sabato 21 novembre 2015

ASSEMBLEA PUBBLICA M5S TUSCANIA 30 novembre 2015


Il M5S Tuscania invita la cittadinanza all'assemblea pubblica che si terrà presso la sede di Piazza Matteotti, 22 alle ore 20.45.
Sarà l'occasione per condividere soluzioni ed idee sulle tante problematiche della città.
Saranno presenti il nostro Portavoce Comunale Fabio Rossi e il Deputato Massimiliano Bernini con i quali parleremo delle azioni portate avanti a Tuscania e in Parlamento e soprattutto raccogliere suggerimenti e proposte dai tuscanesi.


Vi aspettiamo.

giovedì 19 novembre 2015

CIMITERO: CONCESSIONI E TRIBUTI, I CITTADINI CHIEDONO CHIAREZZA


La maggioranza continua a chiedere soldi (tanti e subito)alle famiglie di Tuscania, ma non dà risposte, né ai cittadini, né al Movimento 5 Stelle.

Da tempo seguiamo come gruppo la vicenda del Cimitero e delle relative concessioni dei loculi. Presentammo a tal riguardo, lo scorso 6 giugno, un'interrogazione (potete leggerla quiper avere spiegazioni sull'operazione messa in atto dall'attuale maggioranza. Va detto anche che, altre centinaia di cittadini si attivarono e presero posizione sottoscrivendo una raccolta firme sottoposta all'attenzione del Sindaco. Purtroppo però, nessuno della Giunta Bartolacci si è degnato di dare alcuna risposta nonostante che per legge avrebbero dovuto farlo entro lo scorso 6 luglio.

 
Visto perciò che chi governa Tuscania ha ignorato totalmente tali richieste per oltre 5 mesi ed ha lasciato che rimanessero ignoti anche i principi seguiti per mettere in atto questa operazione di riscossione, il M5S si è attivato per ottenere le doverose risposte tramite una richiesta di "accesso atti" che, in caso di un ulteriore mancato riscontro da parte degli uffici, ci vedrebbe costretti a rivolgerci alla magistratura.

 
Nel frattempo, i tuscanesi continuano a ricevere lettere che intimano a pagare cifre considerevoli in tempi brevissimi, imponendo modalità che nemmeno la famigerata EQUITALIA si sognerebbe di pretendere.

 
E' poi paradossale che il cittadino, al quale l'Amministrazione Comunale richiede un tributo ed il rispetto delle regole, non veda citati con esattezza gli estremi e gli elementi caratteristici della documentazione che si ritiene in scadenza o scaduta, né riceve indicazioni per rintracciare la documentazione stessa.

 
In attesa che il Sindaco risponda alle molte domande poste, si confida in una adeguata presa di coscienza dei cittadini, che non devono essere costretti ad accettare senza battere ciglio queste ulteriori rilevanti spese, a fronte di generiche richieste e, senza ricevere alcuna adeguata giustificazione da parte degli uffici competenti.

Per tali ragioni ci faremo promotori di ogni iniziativa atta a tutelare le richieste delle famiglie tuscanesi e a tal riguardo invitiamo tutti gli aventi diritto, a scaricare due copie del modulo che il blog Toscanella.it ha messo online (lo trovate qui) compilarlo in ogni sua parte, firmarlo e consegnarlo: una copia all'ufficio protocollo e l'altra tenerla come ricevuta con timbro da far apporre dal dipendente comunale.

 
Con l'occasione informiamo che venerdì 20 novembre, dalle 09.00, il Movimento 5 Stelle sarà presente con un banchetto informativo all'imbocco di Viale Volontari del sangue, per fornire ulteriori informazioni ai cittadini, ascoltare le loro richieste e ricevere le indicazioni che ognuno vorrà suggerire, per rendere più "umano" un servizio che riguarda un tema così delicato.

martedì 3 novembre 2015

M5S TUSCANIA PROPONE GLI ECO-COMPATTATORI

Il Movimento 5 Stelle di Tuscania continua ad essere proposta, oltre che costante forza politica di controllo e trasparenza all’interno dei lavori della macchina comunale.
Per farlo continua a seguire ciò per cui gli elettori lo hanno votato alle amministrative dell’anno scorso: il programma amministrativo.
Infatti, è stata presentata in data 29 ottobre una mozione (puoi leggerla qui), che dovrà essere messa all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale, finalizzata all’installazione di eco-compattatori sul territorio comunale in grado di rilasciare buoni sconto ai tuscanesi in cambio del conferimento di plastica e alluminio.

Gli eco compattatori sono dei piccoli contenitori automatici, collocabili ovunque e di dimensioni contenute, che differenziano e comprimono i volumi del materiale conferito da 5 a 20 volte. Rappresentano una tecnologia amica dell’ambiente, il cui utilizzo concorre all’obiettivo “rifiuti zero”, che da sempre contraddistingue l’azione del Movimento 5 stelle. Obiettivo rispetto al quale Tuscania si trova anni luce indietro, dato che un progetto integrato di raccolta differenziata ancora non è partito, e che i livelli di differenziazione dei rifiuti sono molto bassi rispetto gli obiettivi imposti a livello comunitario.
Gli eco compattatori rappresentano un primo passo verso la valorizzazione del rifiuto come risorsa e vengono sempre più adottati dalle amministrazioni comunali per incentivare ed aumentare la percentuale di raccolta differenziata. Ne è un esempio la città di Pomezia, non a caso amministrata dal Sindaco M5S Fabio Fucci, che ha adottato lo stesso provvedimento con grande soddisfazione da parte dei cittadini, che possono conferire agli eco compattatori bottiglie di plastica e lattine di alluminio, ottenendo in cambio  dei coupon o buoni sconto utilizzabili presso esercizi commerciali convenzionati.

L’operazione da noi proposta – sottolinea il portavoce comunale Fabio Rossi – genererebbe diversi benefici economici in quanto il Comune otterrebbe i  ricavi dalla vendita degli scarti raccolti, le attività commerciali convenzionate avrebbero ritorni economici con la fidelizzazione della clientela, ed i cittadini usufruirebbero di sconti e di un ambiente più pulito.
Ci auguriamo che non prevalgano sterili logiche di schieramento e, per una volta, si faccia un passo verso la direzione di un servizio socialmente ed eticamente utile, senza badare ai “ritorni elettorali” di questa iniziativa”.


venerdì 30 ottobre 2015

CONSIGLIO COMUNALE FARSA!


Il M5S di Tuscania non ha partecipato, per protesta, alla seduta consiliare di oggi pomeriggio. Un'azione forte, intrapresa da tutte le forze di minoranza, per contestare le modalità antidemocratiche di gestione dei lavori d'aula di questa maggioranza!

Una prassi consolidata da mesi, che coinvolge anche i lavori di commissione e le non risposte ad interrogazioni ed accessi atti fatti dal nostro gruppo.

Un Consiglio Comunale indetto in seduta ordinaria senza il rispetto delle regole basilari e comunicando con sole 24 ore di preavviso i punti all'OdG con annesso il materiale da votare.

Inoltre, non è stata neanche consentita la lettura del documento depositato e atto a segnalare le varie irregolarità. Ciò sta a rafforzare la ormai acclarata arroganza e discutibilità di metodo di gestione dei lavori d'aula e il poco rispetto per i consiglieri di minoranza!

Di seguito il video



mercoledì 28 ottobre 2015

IMU AGRICOLA: CON UNA MANO LEVANO E CON L’ALTRA RADDOPPIANO

Continua l'odissea sull'odiosissima tassa per gli agricoltori, ci hanno raccontato che aboliranno l’IMU Agricola che come ben sappiamo è stato un salasso legalizzato che il Governo ha dovuto introdurre per trovare una copertura ai famosi 80 euro elargiti da Renzi, ma, come spesso accade: con una mano levano e con l'altra raddoppiano.
 
Da sempre il M5S si batte per la difesa dell’Agricoltura considerata uno dei volani del nostro sviluppo e invece, con queste manovre di propaganda politica, la si affossa definitivamente.
 
Di cosa parliamo? Per esempio delle previsioni della Legge di Stabilità in via di approvazione in Parlamento, con le quali viene tolta la possibilità ai piccoli agricoltori di avere agevolazioni per la tenuta della contabilità.
 
Ciò significa che saranno, anche i piccoli, obbligati alla contabilità ordinaria con costi burocratici non indifferenti (Filippo Gallinella M5S Commissione agricoltura).
 
Oltre questo, i nostri portavoce in Parlamento, tra cui Luigi Di Maio Vice-Presidente della Camera dei Deputati, denunciano l’infamia contenuta nell’articolo 47 della Legge stessa, ove c’è l’introduzione di una serie di balzelli che equivarranno ad una stangata letale per un settore già in forte crisi.
 
Per sapere di cosa parliamo, vi invitiamo a leggere questi dépliant: 


giovedì 22 ottobre 2015

RISPONDIAMO COSI' ALLA MAGGIORANZA!

Il Movimento 5 stelle non ama la politica della ripicca, del ricatto o degli attacchi personali. Quello che per noi conta è il bene collettivo.

Noi del gruppo del M5S di Tuscania, preferiamo perciò che siano i fatti a parlare per noi.
Nel manifesto che trovate allegato, abbiamo elencato sinteticamente tutti gli atti che abbiamo presentato in un anno e mezzo di attività all'interno delle Istituzioni.
Chiunque volesse chiarimenti su qualche specifica voce può contattarci al 389 601 5087 o all'indirizzo mail: tuscania5stelle@gmail.com e concordare con noi un appuntamento.
Cogliamo anche l'occasione per informare chi ci sta leggendo, che ogni lunedì sera alle ore 21.15 facciamo incontri nella nostra sede ( vicino la Meridiana ) per parlare di temi di politica locale. Chiunque fosse interessato a partecipare è il benvenuto.


lunedì 5 ottobre 2015

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE 30 SETTEMBRE 2015


Lo scorso 30 settembre 2015 si è tenuto un Consiglio Comunale con pochi ma importanti punti posti all’ordine del giorno. Di seguito le nostre considerazioni.

Il primo punto aveva ad oggetto una “variazione bilancio di previsione 2015” col quale si prevedeva lo stanziamento di € 91.534,61 per sanare diverse irregolarità riscontrate nel depuratore comunale a seguito della verifica dell’Arpa dello scorso giugno. 
Come M5S, dopo aver consultato le poche carte che ci sono state consegnate, abbiamo deciso di presentare una dichiarazione di voto scritta (potete leggerla qui), nella quale abbiamo evidenziato tutte le anomalie riscontrate.
Per esempio, ci siamo chiesti come mai, dalla ricezione del verbale Arpa datato 24/06/2015, si è atteso tutto questo tempo nel programmare i lavori, quando si poteva procedere all’affidamento degli stessi nei modi ordinari (bando pubblico), non ricorrendo cioè alle modalità d’urgenza ( affidamento diretto o procedura ristretta). Infatti, si era a conoscenza da circa 3 mesi della specificità di tali interventi e che pertanto essi non potessero essere svolti da personale comunale. Perché allora aspettare così tanto? Oltretutto ricorrendo allo strumento della variazione di bilancio, a distanza di un solo mese dall’approvazione del bilancio di previsione 2015.                                           
Inoltre, abbiamo sollecitato a fare le dovute verifiche e ad individuare le relative responsabilità prima d’effettuare l’impegno di spesa e, soprattutto, ad accertare se tali interventi spettino totalmente al Comune. Infatti, il depuratore comunale è stato ed è tuttora oggetto di lavori di ristrutturazione e di potenziamento finanziati dalla Provincia con circa 1 milione di euro. Per tutti questi interrogativi e per la poca chiarezza della materia riscontrata anche nel dibattito d’aula, ci siamo perciò astenuti.

Il secondo punto posto all’ordine del giorno trattava: “Iniziativa per il quarantesimo anniversario della morte di Pierpaolo Pasolini”. Il M5S, ha ribadito in aula che come linea di principio non può che essere a favore ad iniziative che vanno a valorizzare la nostra cultura, le nostre tradizioni, il nostro territorio ma è altresì assai sensibile al tema di come vengono spesi i soldi pubblici. In questo caso ben 35.000 euro destinati cito testualmente: “per la creazione di apposita segnaletica e audio guide”.  Dall’analisi che abbiamo fatto sulla documentazione che ci è stata consegnata, temiamo di trovarci di fronte ad uno dei tanti pseudo finanziamenti e progetti regionali calati dall’alto senza alcuna programmazione e idea di gestione futura, che poi non lasciano nulla sul territorio. Crediamo, per esempio, che se quei soldi fossero investiti con altre modalità e criteri (e non in segnaletica e audio guide) in grado non solo di valorizzare maggiormente la figura artistica di Pasolini, ma anche di lasciare unimpronta più tangibile sul nostro territorio e sulla nostra economia, la traccia lasciata da tale progetto non sarebbe estemporanea, ma duratura.
Avremmo votato a favore, se avessimo potuto verificare tutto ciò, ma purtroppo la documentazione che ci è stata consegnata era priva del progetto, e, essendo rimasti i dubbi, ci siamo visti costretti, nostro malgrado, a votare con astensione (puoi leggere qui la dichiarazione di votoscritta).

Per la parte riguardante le mozioni e le interrogazioni, abbiamo sollecitato ancora una volta la risposta alle interrogazioni da noi presentate alla maggioranza, addirittura dallo scorso maggio. Inoltre abbiamo fatto notare il mancato rispetto del regolamento consiliare visto che le nostre mozioni presentate mesi fa (Patto dei Sindaci e Baratto amministrativo) ancora una volta, non sono state discusse e messe a votazione dal Presidente del Consiglio.

Un’interrogazione orale è stata da noi fatta, per le numerose segnalazioni che ci sono pervenute sul ripetuto abbandono selvaggio dei rifiuti ingombranti al di fuori della discarica dell’Olivo. Situazione che deve cessare al più presto attraverso sanzioni esemplari atte a punire chi si comporta in maniera incivile.


In conclusione di seduta, si è creata una discussione a seguito di interrogazione sottoscritta da tutta la minoranza, in merito alla rinuncia della figura professionale dell’assistente sociale, voluta dalla Giunta Bartolacci. Dal dibattito (che a detta del Sindaco proseguirà in apposita riunione ad hoc), ne è venuto fuori non solo, che con questa scelta il Comune di Tuscania non usufruirà più di detta figura, ma che al momento la maggioranza non sa ancora quali servizi richiedere al Distretto Socio Sanitario VT/2. Ciò, oltre a denotare mancanza di programmazione,  non solo non comporterà alcun beneficio economico per le casse comunali, ma addirittura avremo un disservizio visto che  continueremo a pagare la nostra quota al Distretto in cambio di nessun servizio. Continueremo a vigilare su quali siano i progetti futuri della maggioranza su tale tema e, soprattutto, segnaleremo ogni altro disservizio ai danni della cittadinanza.

venerdì 2 ottobre 2015

OTTOBRE A 5 STELLE!


Il M5S di Tuscania aderisce e supporta 2 importanti iniziative che si terranno nel mese di Ottobre e che coinvolgeranno centinaia di attivisti e simpatizzanti 5 stelle della Provincia di Viterbo.

Il primo appuntamento è per Sabato 10 ottobre 2015 alle 20,30 al ristorante il Borgo a Bagnaia (VT) dove si terrà l’iniziativa “Il Parlamentare che ti serve”. Una cena per finanziare l’evento "Italia  5 stelle" che si terrà il 17-18 Ottobre ad Imola visto che il M5S è l’unico soggetto politico che rifiuta il finanziamento pubblico ai partiti. La cena verrà servita dai parlamentari e dai vari portavoce M5S del territorio tra cui Alessandro Di Battista, Manlio Di Stefano, Massimiliano Bernini, Massimo Baroni e altri ancora.

Sarà una serata mai vista prima!

MENU PIZZERIA
Bruschetta mista
Pizza a scelta
Bevande
€ 15,00 (€ 10,00 menù + € 5,00 donazione M5S)

MENU RISTORANTE
Bruschetta mista
Pizzicotti all’amatriciana
Arista al forno con patate
Bevande
€25,00 (€ 20,00 menù + € 5,00 donazione M5S)

I bambini sotto i 10 anni pagheranno solo la cena senza contributo (chi vorrà potrà comunque fare un offerta libera)

PER PRENOTARE POTETE CONTATTARCI AL 389 6015087
I posti sono limitati.

Il secondo evento è la partecipazione alla manifestazione nazionale “Italia 5 Stelle” con un Pullman organizzato dal M5S Viterbo nella giornata di Domenica 18 Ottobre che seguirà il seguente programma:

PARTENZA 06,00 da Piazzale Romiti VT (dietro la questura)

RITORNO 18,00 da Imola con arrivo previsto a Viterbo alle 22,30

Il costo per coprire il prezzo del noleggio varierà a seconda dei partecipanti. La quota per prenotarsi è € 25,00. Nel caso in cui si dovesse coprire l'intera capienza (54 persone) il prezzo scenderà a €20,00 la differenza verrà rimborsata al momento della partenza.

Anche in questo caso per prenotare potete contattarci al 389 6015087.

VI ASPETTIAMO!


lunedì 14 settembre 2015

IL M5S CHIEDE CHIARIMENTI SUL PROGETTO DI RACCOLTA OLI ESAUSTI

Il Movimento 5 Stelle di Tuscania, attraverso il proprio portavoce Fabio Rossi,  ha presentato in data 14 settembre un’interrogazione al Sindaco e alla Giunta (puoi vederla qui) con la quale chiede chiarimenti circa lo stato di abbandono dei contenitori per la raccolta di oli esausti e la loro mancata distribuzione alle famiglie.

Come si può vedere dalle foto scattate un paio di giorni fa, alcuni dei contenitori consegnati dalla Provincia di Viterbo, ormai quasi 3 anni fa, giacciono inutilizzati presso il terreno adiacente agli impianti sportivi dell’Olivo, senza nessun tipo di protezione dalle intemperie. Non è stato rintracciato, invece, il luogo dove sono stati depositati i contenitori da 2,2 litri per le famiglie.

Infatti, la Provincia di Viterbo, a seguito di finanziamenti regionali, ha indetto nel 2011 una gara avente ad oggetto la fornitura di contenitori per la raccolta degli oli esausti vegetali provenienti da utenze domestiche.  La gara prevedeva, tra l’altro, l’acquisto di n. 138.000 contenitori da 2.2 litri circa da consegnare alle famiglie  e n. 160 contenitori da 220 litri circa da installare in aree facilmente accessibili dei territori comunali individuati dalle singole Amministrazioni.

L’aggiudicazione avvenuta nel 2012 al prezzo di Euro 816.171,23 + IVA è stata seguita dalla consegna dei contenitori (a costo zero), a tutti i Comuni della Provincia di Viterbo, in quantità correlata al numero degli abitanti. Nei comuni che avevano individuato le aree da utilizzare, la ditta appaltatrice ha provveduto direttamente all’installazione, nel caso contrario (come Tuscania) i contenitori sono stati invece depositati in locali comunali, nell’attesa di definire gli spazi ad hoc.

A Tuscania, ad oggi, niente è stato ancora fatto per informare la cittadinanza e per distribuire alle famiglie le taniche da 2,2 litri per la raccolta domestica degli oli. Come non sono ancora stati individuati i siti dove depositare i contenitori per la raccolta. Non sono valsi neppure i numerosi solleciti fatti dall’Assessorato provinciale all’Ambiente anche a fine 2014, volti ad un assunzione di responsabilità dei Comuni negligenti.

Gli attivisti 5 stelle di Tuscania hanno documentato con foto lo stato di abbandono in cui si trova il materiale ricevuto dalla Provincia di Viterbo, ricordando che la raccolta degli Oli esausti è fondamentale per il giusto mantenimento dei depuratori delle acque reflue. Inoltre gli oli possono essere riciclati da aziende preposte che si occupano della raccolta a costo zero per i comuni: riteniamo urgente un avvio della distribuzione dei kit alle famiglie di Tuscania. I tuscanesi meritano una risposta circa la mancata attuazione di questa iniziativa che riteniamo un giusto e adeguato segnale per il rispetto e la conservazione del nostro territorio.


APPROFONDIMENTI:

I danni dell’olio esausto

Servizio TG3


domenica 30 agosto 2015

BILANCIO 2015: LE NOSTRE CONSIDERAZIONI



Mercoledì 26 agosto, in Consiglio Comunale, si è discusso ed approvato il bilancio di previsione 2015, il documento finanziario per eccellenza di un Ente locale col quale si stabiliscono le entrate (tra cui le tasse e i tributi che paghiamo) e le uscite di un Comune (i servizi comunali di cui usufruiamo).

Il M5S ha criticato duramente questo bilancio, predisposto esclusivamente dalla Giunta Bartolacci, sia prima che soprattutto durante la seduta consiliare, votando contro.  

Vogliamo spiegare alla cittadinanza le motivazioni del nostro voto con questo breve video (5 minuti) che, insieme alle riprese che da anni effettuiamo del Consiglio Comunale, ha lo scopo di informare i tuscanesi e renderli consapevoli delle scelte che toccano la quotidianità di tutti.

Inoltre mettiamo a disposizione:





giovedì 20 agosto 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015: IL M5S PRESENTA 15 EMENDAMENTI

Sarà una seduta consiliare fondamentale quella che si svolgerà mercoledì 26 agosto: si approverà il bilancio di previsione 2015. Il documento finanziario per eccellenza però non ha visto anche quest’anno, a detta degli esponenti M5S, alcun tipo di coinvolgimento della comunità né tantomeno dei consiglieri di minoranza.
“Se si poteva fare peggio dell’anno scorso, devo dire che si è riusciti nell’impresa - afferma il consigliere M5S Fabio Rossi - Quest’anno non solo non è stata indetta alcuna commissione per discutere e cercare di proporre idee al bilancio, ma addirittura il lavoro svolto dalla maggioranza è degno delle grandi manovre lacrime e sangue di montiana memoria.

Enormi tagli al sociale denunciano i pentastellati (più di 250.000 €), ma non solo. Azzeramento della biblioteca comunale, tagli alla Protezione Civile, alla manutenzione delle strade e del cimitero, minori risorse alle scuole e alla didattica e mancanza di programmazione   a medio e lungo termine, come la raccolta differenziata.

Questi inaccettabili tagli alle categorie deboli - continua il portavoce M5S - gridano ancor più vendetta se si pensa che altre voci di spesa sono rimaste inalterate, se non rimpinguate, e che il livello di tassazione rimane uno dei più alti della Provincia. Proprio per questo motivo abbiamo presentato 15 emendamenti al bilancio, che dovranno ora essere discussi in sede di Consiglio Comunale. Siamo stati costretti all’utilizzo dell’azione emendativa per via della netta chiusura da parte della maggioranza riguardo la stesura del documento di bilancio. La convocazione di un'inutile commissione due giorni prima del Consiglio comunale (a tempi scaduti per presentare proposte) non ha fatto altro che aggravare le modalità utilizzate”.

Gli emendamenti - tengono a precisare i 5 stelle - non hanno fini ostruzionistici, tutti presentano le dovute coperture economiche e fattibilità operativa, grazie allo studio approfondito del bilancio e ad un forte spirito propositivo.


Oltre agli emendamenti per limitare i tagli ai servizi, abbiamo presentato delle proposte in linea con quanto fatto finora in Consiglio. Risorse per un monitoraggio totale sull’elettromagnetismo, per il baratto amministrativo, per la realizzazione di campagne di sensibilizzazione contro le dipendenze e il randagismo. Adesso ci auguriamo un’apertura da parte della maggioranza, soprattutto per tutelare i meno fortunati e salvaguardare quei servizi erogati con qualità, come la mensa e la biblioteca”.

venerdì 14 agosto 2015

CASETTA DELL'ACQUA PER MESI SENZA CONTROLLO


La casetta dell’acqua di Piazzale Bersaglieri per mesi non è stata sottoposta alle analisi di controllo interno previste nel Dlgs 31/2001. È questo quello che emerge da una richiesta di accesso atti da noi presentata ad Aprile u.s. e che ha visto una risposta a dir poco lacunosa soltanto nel mese di Luglio (potete leggerla qui). Come i lettori ricorderanno, avevamo fatto notare e sollecitato più volte in Consiglio Comunale e attraverso la stampa affinché venissero pubblicate le analisi di controllo sui valori di arsenico erogati dalla “fontanella”. Solleciti che costrinsero la maggioranza, nello stesso mese di Aprile, ad affiggere sulla struttura in legno i relativi risultati. Proprio quei valori alquanto anomali (7.7 μg), per una fontana con impianto di filtrazione da arsenico, ci aveva portato ad andare in fondo alla questione e a presentare richieste di chiarimenti. Ora l’amara scoperta che anche nei mesi precedenti, il Comune non ha mai effettuato quelle analisi di controllo obbligatori che, come fatto presente sin dal Consiglio Comunale di dicembre, non spettano più all’ASL.

Sulla base infatti delle Circolari del Ministero della Salute, l’attività di erogare acqua con queste strutture viene definita come “somministrazione di alimenti e bevande”, pertanto il Comune come gestore dell’unità distributiva assume la qualità di OSA (Operatori del Settore Alimentare) e come tale deve attenersi alla disciplina vigente in materia di alimenti, in particolare al Regolamento CE 852/2004.

Dalla lettura della risposta è deducibile che all’ufficio tecnico non sia stato dato l’indirizzo politico di ottemperare a questi controlli per via dell’entrata in funzione del dearsenificatore di Piazzale Andersen. Ciò, a detta dell’Amministrazione, darebbe la certezza di erogare anche a Piazzale dei Bersaglieri acqua con valori di arsenico inferiori ai 10 μg consentiti. Peccato però che tutto questo non possa essere certificato ed acclarato da nessun documento ufficiale visto e considerato soprattutto che, dalle analisi precedenti si notava come detti valori aumentassero con la distanza dai dearsenificatori. Inoltre la medicina stabilisce che “l’acqua come ogni altro alimento, può diventare un importante veicolo di contaminazione (e di infezione) e il rischio di contaminazione ambientale deve conseguentemente essere oggetto di valutazione”.

Vogliamo ricordare che quando ad effettuare le analisi era la ASL, (in un periodo in cui era in funzione solo il dearsenificatore di Piazzale Andersen) i valori non hanno mai superato i 2 μg. Perché il dato ha avuto questa sensibile lievitazione? Perché non sono stati effettuati i controlli mensilmente in modo da rassicurare la popolazione su ciò che la popolazione stava prelevando dalla casetta? I costi di un’analisi sull’arsenico non sono poi così eccessivi, si aggirano intorno ai 50 euro.

Una leggerezza che conferma ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, che questa amministrazione non ha mai creduto nelle classiche case dell’acqua tanto da arrivarne alla chiusura e al non controllo. Un servizio che, se gestito in maniera ottimale, oltre a ridurre la produzione di rifiuti, consente anche un notevole risparmio di risorse naturali ed economici per le famiglie. Difatti, una casa dell’acqua, consente ai cittadini di approvvigionarsi di acqua liscia e gassata con un notevole risparmio economico (si calcolano risparmi annuali per una famiglia di € 200/300), mentre nel contempo la struttura stessa diventata un luogo di aggregazione e di socializzazione.

mercoledì 5 agosto 2015

IL MOVIMENTO 5 STELLE PROPONE IL BARATTO AMMINISTRATIVO


Scambiare la propria manodopera con le tasse da pagare. Suona più o meno così l'idea: in altre parole un progetto rivolto ad agevolare tutti quei cittadini che non riescono a pagare le tasse e che si trovano in condizione di morosità col Comune di Tuscania. Una misura introdotta con il Decreto legge 133/2014, attualmente allo studio da parte di vari comuni, che il M5S di Tuscania ha proposto il 16 luglio attraverso una mozione comunale (potete leggerla qui) che dovrà ora essere discussa.
È il cosiddetto “baratto amministrativo”:convertire i mancati pagamenti delle imposte comunali in ore lavoro per pulizia, abbellimento delle aree verdi, di piazze e strade ma anche manutenzione e recupero di aree e beni immobili inutilizzati.
Riteniamo – afferma il consigliere comunale Rossi – che questa idea possa da una parte alleggerire le casse comunali, recuperando comunque dei crediti difficilmente esigibili, e dall’altra ridare soprattutto dignità a tante persone. Consentire ai cittadini di colmare le proprie morosità mettendosi a disposizione della collettività, inoltre, aumenta il senso civico della cittadinanza”.

Un sistema che farebbe contento chi, magari essendo disoccupato, ha tempo a disposizione e debiti insoluti in un contesto storico dove la tassazione locale è sempre più insostenibile anche per chi ha uno stipendio. Non si tratta di un modo per eludere il fisco, bensì sarà il Comune a stabilire i limiti entro cui sarà possibile usufruire di questa agevolazione.
Se la nostra mozione – continua Rossi - avrà l’appoggio delle varie forze politiche presenti in Consiglio, dovremo dotarci di un regolamento apposito quanto più puntuale e restrittivo in grado di selezionare la tipologia di morosità da andare a sanare, tutelare al massimo la dignità dei fruitori e i servizi comunali da far esercitare. Noi alcune proposte già le abbiamo per comportare oltretutto dei risparmi per il comune e dei servizi maggiori alla cittadinanza. Si pensi per esempio al nostro enorme patrimonio storico artistico che al momento non può essere pienamente fruibile dai turisti che vengono sul nostro territorio”.
Ovviamente, ci tengono a  precisare i 5 stelle, questa è soltanto una delle idee che con il lavoro in commissione dei vari consiglieri, e perché no della cittadinanza, potrebbe confluire in un documento il più ampio e condiviso.

M5S TUSCANIA


mercoledì 29 luglio 2015

RESOCONTO CONSIGLIO COMUNALE DEL 27 LUGLIO 2015


Si è svolta nella mattinata di lunedi 27 luglio la seduta consiliare riguardante l’approvazione delle aliquote delle varie tasse locali che eccezionalmente è stata disgiunta dall’approvazione del bilancio previsionale 2015 che si terrà invece a fine agosto.

Filo conduttore della seduta consiliare è stata la situazione del bilancio che al momento sembrerebbe non più a rischio commissariamento come precedentemente riferito dalla maggioranza, in quanto è pervenuta una comunicazione ufficiosa da parte del MEF riguardo la rimodulazione dell’imu agricola, notizia riportata in maniera approfondita nei giorni scorsi anche dalla stampa locale.

Ecco un breve resoconto di ciò che è successo nella seduta consiliare con specificazione della nostra posizione assunta in aula:

ALIQUOTE TARI, IMU, TASI E ADDIZIONALE COMUNALE IRPEF

Tutte le aliquote delle imposte locali sono rimaste inalterate rispetto all’anno scorso. In particolare le aliquote dell’addizionale Irpef e dell’imu sulla seconda casa vengono confermate e ricordiamo sono già al massimo consentito per legge. Il voto del M5S è stato contrario poiché le promesse fatte l’anno scorso di abbassare il livello della tassazione locale sono state tutte disattese. In particolare abbiamo fatto notare, attraverso il nostro portavoce Rossi, scelte politiche non condivise anche riguardo la TARI. Infatti, ad agosto 2014 in sede di approvazione aliquote e bilancio, facemmo una dura battaglia per rimodulare la perimetrazione delle zone servite dalla raccolta rifiuti (che da 2 anni, rammentiamo, è di 3.000 m.) per alleggerire il carico fiscale a quei cittadini che non usufruiscono appieno del servizio di raccolta rifiuti. L’anno scorso la nostra proposta (con annesse coperture economiche, teniamo a sottolinearlo) fu bocciata con la promessa da parte dell’Assessore al bilancio di abbassare la distanza nel 2015. Anche questa promessa è stata puntualmente disattesa.
Inoltre abbiamo criticato la rimodulazione delle tariffe delle utenze “non domestiche” che penalizzeranno  i banchi di mercato di generi alimentari  (+1,33 e +2,67 per le utenze giornaliere) mentre sgraveranno il carico fiscale su banche e supermercati (-0,30 e -1,009).

INTERROGAZIONI, INTERPELLANZE E MOZIONI

Abbiamo evidenziato il ritardo nelle risposte ad alcune nostre interrogazioni scritte, mancata risposta che ci ha visto costretti a presentare il nostro primo esposto al Prefetto di Viterbo. Abbiamo inoltre posto una nuova interrogazione verbale sempre sul discorso della mancata osservanza della normativa che pone a carico del Comune l’effettuazione delle analisi sulle acque delle casette distributrici. Da una nostra richiesta di accesso atti infatti abbiamo scoperto che per molti mesi non è stato effettuato alcun controllo sull’acqua erogata in Piazza dei Bersaglieri. Informeremo la cittadinanza con maggior dovizia nei prossimi giorni.

PROBLEMATICA ANTENNE

Abbiamo sollecitato l’intero Consiglio Comunale a non perdere tempo riguardo la problematica dell’elettrosmog che ha visto nell’installazione del ripetitore per cellulari in via Tarquinia l’evento più recente. È infatti passato più di un mese da quando la proposta di regolamento antenne targata M5S è stata presentata ufficialmente, ma, ad oggi, nessun’ azione concreta è emersa in Consiglio.

Inoltre dalle nostre verifiche sta emergendo il fatto che la compagnia telefonica quasi sicuramente è in regola con tutte le varie autorizzazioni e che probabilmente c’è stato da parte del Comune ciò che più temevamo: il silenzio assenso. Il mancato diniego da parte del Comune avrebbe autorizzato la compagnia ad installare l’impianto.

Di seguito le riprese video della seduta: